Operazione Olimpia, tutti liberi. Il tribunale del Riesame scarcera sette indagati

Tornano in libertà l'ex sindaco Giovanni Di Giorgi, l'ex assessore Giuseppe Di Rubbo, l'ex consigliere comunale Vincenzo Malvaso e poi Rino Monti, Massimo Riccardo, Andrea Capozzi e Luca Baldini

Tornano in libertà i sette indagati dell’inchiesta Olimpia, arrestati il 14 novembre scorso dai carabinieri, a vario titolo accusati di associazione a delinquere, falso ideologico, truffa aggravata ai danni dello Stato, abuso d’ufficio. Lo ha deciso il tribunale del Riesame a cui avevano fatto ricorso l’ex sindaco Giovanni Di Giorgi (al quale erano stati concessi i domiciliari nei giorni scorsi), l’ex assessore all’Urbanistica Giuseppe Di Rubbo, l’architetto Luca Baldini, l’ex dirigente del Comune Rino Monti, l’ex consigliere di Forza Italia Vincenzo Malvaso, e gli imprenditori Andrea Capozzi (ai domiciliari) e Massimo Riccardo.

L’ordinanza di custodia cautelare firmata dal Gip del tribunale di Latina Mara Mattioli è stata annullata dal Riesame e gli indagati tornano ufficialmente liberi. Dalle motivazioni contenute nel provvedimento potranno essere più chiari i motivi dell’annullamento: il non riconoscimento del vincolo dell’associazione a delinquere o la mancata esigenza di misure cautelari a carico di personaggi che, nella gran parte dei casi, non ricoprono più incarichi all'interno dell'amministrazione.

Momenti di tensione si sono vissuti all'esterno del carcere di via Aspromonte al momento della scarcerazione di Di Rubbo, Baldini e Riccardo; soprattutto l'ex assessore all'Urbanistica del Comune di Latina e quanti erano ad attenderlo all'uscita non hanno gredito la presenza dei giornalisti a cui in maniera "accesa" hanno chiesto di allontanarsi

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Preso con 30 chili di droga confessa al giudice: "La trasportavo per conto di altre persone"

  • Aggressione ai paparazzi a Ponza, Belen e Stefano De Martino accusati di rapina

  • Si tuffa in mare per sfuggire ai carabinieri, nascondeva cocaina ed eroina. Arrestata

  • Cisterna, caseificio chiuso dal Nas continua a produrre mozzarelle: denunciato il titolare

  • Processo Arpalo, in una pen drive le prove del riciclaggio di denaro di Maietta e soci

Torna su
LatinaToday è in caricamento