Processo Touchdown, il funzionario della Provincia chiama in causa l'ex sindaco di Cisterna

Stamattina nuova udienza sul sistema di appalti e tangenti. In aula ha parlato Iacovacci

Comune di Cisterna

Nuova udienza con risvolti inattesi questa mattina nel processo Touchdown dove era in programma la deposizione del funzionario della Provincia Amerigo Iacovacci, imputato di reato connesso e già condannato con rito abbreviato a due anni.

Interrogato dal pubblico ministero Valerio De Luca, Iacovacci ha raccontato come funzionava il sistema corruttivo al Comune di Cisterna con appalti truccati e tangenti ed ha poi dichiarato che di quel sistema l’allora sindaco Eleonora Della Penna – che nel momento in cui era esplosa l’inchiesta si era dimessa dalla carica di primo cittadino - era a conoscenza. Poi ha parlato di un foglietto giallo sul quale erano state scritte le percentuali della divisione delle tangenti tra alcune delle persone coinvolte nell’inchiesta, foglietto che è stato effettivamente ritrovato nel corso dell’inchiesta e che ieri è stato acquisito agli atti del processo.

Poi l’interrogatorio si è spostato su alcune telefonate intercettate ma la difesa degli imputati - Filippo Frezza, Marco Muzzupappa, Alvaro Mastrantoni, Danilo Martelli e Pierluigi Ianiri – si è opposta non essendoci ancora agli atti le trascrizioni di quelle conversazioni. Così l’udienza è stata così rinviata al 12 aprile quando davanti al Tribunale, presieduto da Francesco Valentini, proseguirà la deposizione di Iacovacci come testimone “assistito". Poi sarà la volta dell’imprenditore Giovanni Giarola, anche lui imputato di reato connesso che ha patteggiato le pena ed è stato condannato a tre anni e due mesi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • Banda dei furti seriali, in udienza la difesa contesta l'associazione a delinquere

Torna su
LatinaToday è in caricamento