Transessuale accoltellato in via Piave, indagini lampo della polizia: fermato un 25enne

Il giovane accusato di tentato omicidio. Rintracciato dagli agenti nei pressi delle autolinee; è stato portato in carcere

Indagini lampo della polizia che in poche ore ha chiuso il cerchio intorno al presunto autore dell’accoltellamento di questa notte ai danni di un transessuale di 46 anni in via Piave. Gli uomini della Squadra Mobile e dell’Ufficio Prevenzione Generale Soccorso Pubblico hanno fermato un giovane di 25 anni di origini romene, Toader Clapon, ora accusato di tentato omicidio. 

L’aggressione e la richiesta di aiuto

I fatti sono accaduti nella notte in un’abitazione al terzo piano di una palazzina alle porte di Latina. Ad allertare il 113 chiedendo aiuto la stessa vittima che ha riferito alla polizia di essere stata accoltellata da uno sconosciuto. Sul posto immediato l’arrivo della Squadra Volante e della Squadra Mobile, insieme ai sanitari del 118, che hanno trovato la porta della casa socchiusa e a terra il transessuale seminudo con con evidenti ferite da taglio. Sul pavimento dell’ingresso anche tracce di sangue. 

Una prima ricostruzione

Secondo quanto ricostruito dalla polizia, anche grazie alla testimonianza della vittima, il giovane ha raggiunto l’abitazione in via Piave con la scusa di consumare un rapporto sessuale, poi l’aggressione. Con un coltello da cucina, come riferiscono dalla Questura, avrebbe colpito la vittima in diversi parti del corpo, alla schiena, al torace e sugli arti, nonostante il suo tentativo, dopo la prima coltellata, di raggiungere la finestre per chiedere aiuto. L’aggressione sarebbe poi proseguita anche sul balcone dove gli agenti hanno rinvenuto altre tracce di sangue. Poi la vittima è caduta a terra in uno stato di semi incoscienza. Fortunatamente è riuscita in un secondo momento a prendere il suo cellulare e ad allertare i soccorsi. Trasportata prima all’ospedale Goretti di Latina, a causa della gravità delle ferite riportate, è stata poi trasferita al San Camillo di Roma dove è ricoverata. Non è chiaro al momento se il 25enne prima di dileguarsi sia riuscito a portare via qualcosa dall'abitazione, dal momento che neanche la stessa vittima ha saputo fornire elementi utili su questo particolare che potrebbe chiarire il movente di quanto accaduto.

Le indagini 

Subito sono scattate le indagini da parte della polizia. Gli investigatori hanno potuto usufruire anche delle importanti dichiarazioni della vittima che hanno permesso in poche ore di individuare il presunto responsabile poi rintracciato nei pressi delle autolinee insieme ad un connazionale, estraneo ai fatti. Nel corso della perquisizione nell’abitazione del 25enne sono stati rinvenuti un paio di jeans sporchi di sangue e che per gli investigatori indossava al momento dell’aggressione. Nel corso delle indagini trovato, lungo l’ipotetica via di fuga dal luogo del tentato omicidio, e sequestrato anche il coltello ancora sporco di sangue. 

Fermato il 25enne, al termine delle formalità di rito, è stato portato presso la casa circondariale di via Aspromonte. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

  • Un uomo colto da infarto in strada: salvato da un medico e dal 118

Torna su
LatinaToday è in caricamento