Truffa all’Inps da 300mila euro, scoperti falsi poveri a Ponza

Il raggiro messo in luce dagli uomini della guardia di finanza; denunciati cinque cittadini italiani residenti all'estero che percepivano lo stesso e indebitamente i contributi assistenziali

Si erano trasferiti all’estero da anni ma continuavano a percepire l’assegno sociale erogato dall’Inps. La truffa ai danni dell’Istituto Nazionale di Previdenza Sociale è stata smascherata dalla guardia di finanza della brigata di Ponza.

Le fiamme gialle hanno scoperto che 5 persone, nonostante si fossero stabilmente trasferite all’estero da diversi anni, continuavano a figurare nelle liste della popolazione residente sull’isola e che, a causa delle dichiarate condizioni di disagio economico, percepivano la prestazione assistenziale in genere erogata ai soli cittadini italiani, comunitari ed extracomunitari di almeno 65 anni di età che risultino effettivamente ed abitualmente residenti nel territorio dello stato e che versino in condizioni di difficoltà.

I militari hanno passato al setaccio le liste dei cittadini ponzesi iscritti all’A.I.R.E. (Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero), analizzando circa 800 posizioni, incrociandole con gli elenchi forniti dall’Inps relativi ai percettori di contributi assistenziali e rilevando che cinque di essi percepivano l’assegno sociale, pur non avendone diritto.

L'indagine ha consentito di accertare che, dal 1996 ad oggi, i soggetti, denunciati per i reati di truffa, indebita percezione di erogazioni da parte dello stato e falsità ideologica, hanno indebitamente riscosso una somma complessiva di circa 300mila euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo quanto emerso dalle indagini della guardia di finanza è stato evidenziato che dall’inizio dell’anno sono ben 86 i “falsi poveri” individuati in provincia di Latina; si tratta di persone fisiche che hanno avuto accesso a prestazioni sociali agevolate, grazie all’indicazione di situazioni reddituali non corrispondenti al vero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Tragedia nelle acque del Circeo: sub accusa un malore in acqua e muore

  • Coronavirus Latina: due nuovi casi positivi in provincia. Muore una donna al Goretti

  • Coronavirus, i contagi tornano a crescere: 7 nuovi casi da nord a sud della provincia

  • Coronavirus: salgono a 549 i casi in provincia. Nel Lazio 20 positivi in più, i dati di tutte le Asl

Torna su
LatinaToday è in caricamento