“Nastro Rosa” a Latina la campagna contro il tumore al seno della Lilt

Comuni di Latina e Sabaudia e la torre Mola a Formia illuminati di rosa; iniziative al liceo Dante Alighieri e visite specialistiche presso la sede della Lilt dell'ospedale del capoluogo

Anche la provincia di Latina nel mese di ottobre si tinge di rosa. Torna, infatti, “Nastro Rosa”, la campagna di sensibilizzazione contro il tumore al seno promossa in Italia dalla Lilt, Lega Italia Lotta ai Tumori.

L’iniziativa, che ha raccolto l’adesione di 70 nazioni in tutto il mondo, punta a diffondere la cultura della prevenzione per sconfiggere una malattia che nel nostro paese fa registrare ogni anno 42mila nuovi casi. E a Latina sono molte le istituzioni che hanno raccolto l’invito della Lilt: i Comuni di Latina e Sabaudia per l’intero mese illumineranno di rosa le rispettive torri municipali, a Formia le luci saranno accese sulla Torre Mola mentre il liceo classico “Dante Alighieri” di Latina, su suggerimento della preside Giovanna Bellardini, ha aderito distribuendo materiale informativo agli alunni e affiggendo all’ingresso dell’istituto il nastro rosa, simbolo della campagna informativa.

Inoltre per il mese di ottobre sono state programmate quattro giornate dedicate alle visite specialistiche presso la sede della Lega lotta ai tumori dell’ospedale di Latina ed una conferenza informativa che si terrà a Aprilia il 27 ottobre prossimo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Negli ultimi anni – spiegano il dottor Fabio Ricci e il dottor Erminio Saralli, responsabile senologia e coordinatore servizi sanitari della Lilt provinciale – abbiamo registrato un calo della mortalità ma un incremento della malattia. Fortunatamente la chirurgia senologica ha fatto enormi passi avanti passando dal “trattamento massimi tollerabile” al “trattamento minimo efficace” che trova applicazione presso l’ospedale di Latina. Qui – concludono i chirurghi - gli interventi vengono eseguiti in anestesia locale e in regime di day-surgery con la presenza dell’anestesista e del medico nucleare in sala operatoria a garanzia della sicurezza del paziente. La missione della Lega è quella di prendersi cura delle persone agendo sull’informazione per eliminare lo stato d’animo di ineluttabilità verso la malattia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Latina, 227 i contagiati in provincia. Nel Lazio 173 casi positivi in un giorno

  • Coronavirus Latina: 237 contagi in provincia, 195 casi positivi in più nel Lazio in un giorno

  • Coronavirus, è morto il Paziente 1 di Fondi: era uno dei partecipanti alla festa di Carnevale

  • Coronavirus Latina: 193 i casi positivi nella provincia pontina, 1540 in tutto il Lazio

  • Coronavirus Fondi: il termoscanner individua un positivo al Mof, 140 screening su casi sospetti

  • Coronavirus, prima vittima a Latina: era un dipendente dell'Inps. Morto anche un anziano di Fondi

Torna su
LatinaToday è in caricamento