Farmacia comunale di via Reni, venduta a quasi 2 milioni

Ad aggiudicarsi l'asta, alla cifra di 1.740.000 euro, un gruppo di imprenditori. Sindaco Di Giorgi soddisfatto: "L'importante cifra incassata dall'amministrazione sarà destinata ad opere pubbliche per la città"

L'ingresso della farmacia comunale di via Reni

Venduta la farmacia comunale di via Guido Reni: questa mattina si è svolta l’asta pubblica per l’alienazione dell’attività.

La commissione, presieduta dal notaio Celeste, ha provveduto all’aggiudicazione provvisoria dell’asta, attuata con il sistema di offerte a buste chiuse seguite da successivi rialzi con base d’asta di € 774.000,00.

Ad aggiudicarsi l’asta è stato un gruppo di imprenditori alla cifra di 1.740.000 euro. “L’apposito iter – come spiega l’amministrazione in una nota - prevede ora che entro dieci giorni gli aventi diritto possano esercitare il diritto di prelazione; scaduto tale termine senza l’esercizio della prelazione si procederà all’aggiudicazione definitiva della gestione della farmacia”.                                     

Sono soddisfatto dell’andamento dell’asta pubblica che consente all’amministrazione di incassare una cifra importante da destinare ad opere pubbliche per la nostra città – ha commentato il sindaco di Latina Giovanni Di Giorgi -. Il rialzo di circa un milione rispetto alla base d’asta, testimonia del grande interesse che l’operazione ha suscitato, contrariamente a chi aveva paventato dubbi sulla cifra che il Comune avrebbe potuto incassare.

In tal senso devo fare i complimenti a coloro che hanno condotto l’operazione e alla commissione presieduta dal notaio Celeste, a garanzia della massima trasparenza dell’operazione. Si tratta di una iniziativa attentamente valutata dall’amministrazione nell’ambito delle attività imbastite per consolidare il bilancio e consentire investimenti in opere pubbliche senza gravare sulle tasche dei cittadini”.         

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • Banda dei furti seriali, in udienza la difesa contesta l'associazione a delinquere

Torna su
LatinaToday è in caricamento