Cori: dopo gli episodi di violenza, arriva l’ordinanza del sindaco

Per l'ordine pubblico, la sicurezza e il decoro urbano a Cori valle; vietato il consumo di alcolici e in appositi orari è proibito bivaccare ed intrattenersi per gridare, schiamazzare, ascoltare musica ad alto volume

Piazza Romana a Cori

In seguito ai ripetuti episodi di violenza – ultimo in ordine di tempo la violenta rissa scoppiata nella sera di Ferragosto in piazza Romana e la successiva aggressione ad una famiglia di ristoratori – il sindaco Tommaso Conti, attraverso un’apposita ordinanza ha decretato un pacchetto di misure per garantire l’ordine pubblico e la sicurezza, nonché il decoro urbano, a Cori valle.

LE MISURE - Il provvedimento vieta a tutti, durante l’intera giornata, il consumo di alcolici e la loro vendita ai minori di 18 anni. Negli esercizi commerciali abilitati potranno acquistare alcolici solo i maggiorenni che li consumeranno all’interno dei locali. Il divieto riguarda gli spazi pubblici e le attività di piazza Romana, piazza della Croce, piazza Ninfina, via Accrocca, via Pelasga, piazza Mattei e lo slargo antistante alla Chiesa di Santa Maria della Pietà.

Nelle piazze e nelle vie all’interno di questo perimetro, dalle ore 14.00 alle ore 17.00 e dalle ore 23.00 alle ore 06.00 del mattino successivo, è proibito anche bivaccare ed intrattenersi per gridare, schiamazzare, ascoltare musica ad alto volume e disturbare la quiete ed il riposo della cittadinanza. Non si potrà neppure giocare con il pallone, né a qualsiasi altro gioco possa precludere ai cittadini la libera fruizione dei luoghi pubblici di quella zona.

L’ordinanza rimarrà in vigore fino al 31 ottobre 2013 e verrà revocata solo nel caso in cui, spiegano dal Comune, “dal monitoraggio delle Forze dell’Ordine, emergerà un effettivo miglioramento della situazione. Al contempo continuerà il servizio di sorveglianza della Polizia Locale fino a tarda notte e nuove verifiche sugli immobili dati in affitto”.  

Uno stato di disagio per i residenti e di degrado urbano che non poteva più essere tollerato – commenta l’amministrazione di Cori -. Da qualche tempo un gruppetto di stranieri, nullafacenti e dediti al consumo di alcol, sostava a piazza Romana e nelle immediate vicinanze, dal primo pomeriggio al mattino successivo, giocando a carte e al pallone. Limitavano, anche con la forza, la fruibilità del piazzale e delle sue strutture, occupandole e organizzandovi frequenti partitelle a calcio, spesso degenerate in scontri, litigi e risse, alcune delle quali terminate con feriti soccorsi dal 118.

L’Amministrazione – conclude il Comune -, nell’ambito delle sue limitate competenze in materia, è intervenuta già due anni fa con l’accertamento degli affitti e intensificando nel periodo estivo il pattugliamento e la vigilanza della Polizia Locale, con un agente fisso in zona, anche fino alla mezzanotte, a cui seguivano i reiterati controlli, soprattutto notturni, dei Carabinieri e della Polizia di Stato. Oltre ai frequenti vertici in Municipio, più volte il Sindaco Conti, l’Assessore alla Sicurezza Ennio Afilani, il Comandante della Polizia Locale e il Comandate dei Carabinieri hanno effettuato sopralluoghi in quella parte del paese prima emettere l’ordinanza”.

Potrebbe interessarti

  • Tiziano Ferro si è sposato, nozze blindate nella sua villa di Sabaudia

  • Notte Bianca a Latina: tutti i divieti per sabato 20 luglio. Come cambia la viabilità

  • Sabaudia, per l'estate tour gratuito in battello sul lago di Paola

  • Street art contro la mafia: murale dedicato a Falcone e Borsellino nel cuore di Latina

I più letti della settimana

  • San Felice Circeo, divieto di balneazione alla foce di Rio Torto: l’ordinanza del sindaco

  • Tragedia nel mare di Latina: sub di 19 anni muore durante un’immersione

  • Ponza: malore in nave, non ce l’ha fatta il comandante soccorso in mare

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Incidente sull’Appia: tre auto coinvolte. Un ferito grave, atterra l’eliambulanza

  • Processo Alba Pontina, le vittime del clan Di Silvio raccontano in aula tutte le minacce

Torna su
LatinaToday è in caricamento