Donna in Rete: nuovo progetto del Consultorio diocesano per le vittime di violenza

Prevede un pacchetto di interventi specifico e immediato; il servizio è gratuito, finanziato con i fondi dell’8xmille alla Chiesa Cattolica

Si chiama “Donna in Rete”: il progetto Consultorio familiare diocesano Crescere Insieme rivolto alle donne vittime di violenza fisica o psicologica. Sarà presentato venerdì 29 novembre, alle 17, presso la Curia vescovile di Latina. Dopo il saluto del vescovo Mariano Crociata e del presidente del Consultorio Vincenzo Serra, seguiranno alcuni interventi degli specialisti, tra cui la psicoterapeuta Claudia Visone, coordinatrice del progetto.

“In considerazione della gravità raggiunta dal fenomeno della violenza contro le donne”, gli operatori hanno deciso di offrire un pacchetto di interventi specifico e immediato, anche sulla base dell’esperienza maturata da quando nel 2015 le donne vittime di violenza hanno iniziato a rivolgersi al Consultorio diocesano. “Il percorso d’aiuto pensato per le donne coinvolge diverse figure professionali e servizi (psicologi, psicoterapeuti, avvocato, mediatori, casa famiglia ‘Gregorio Antonelli’ ed altre strutture che si sono rese disponibili ad eventuale accoglienza), con l’obiettivo di impostare un percorso propedeutico alla denuncia all’Autorità giudiziaria, un accompagnamento teso al raggiungimento della consapevolezza di sé per avviare verso un iter di autonomia psicologica, economica e relazionale”, ha spiegato Claudia Visone.

Per rivolgersi al servizio basterà contattare la segreteria del Consultorio (tel. 0773-4068004 o scrivere alla mail segreteria@consultoriodiocesanolatina.it); poi sono previsti i primi incontri per la valutazione del caso, compreso anche quello con un avvocato. Seguirà un ciclo di colloqui psicoterapici per sostenere e rafforzare le risorse della donna.

All’interno del progetto sono previsti anche percorsi di mediazione familiare, sempre su decisione della donna che chiede l’aiuto del servizio. “Tale decisione nasce dalla consapevolezza che non sempre, anche se purtroppo assai di rado, ci ritroviamo di fronte a situazioni di estrema pericolosità. Pertanto abbiamo ritenuto indicato ed adeguato prevedere un intervento che abbia la funzione di promuovere l’apprendimento di capacità comunicative efficaci, caratterizzate da una attitudine alla conciliazione”, ha aggiunto Visone.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il servizio è gratuito poiché il progetto Donna in Rete è stato finanziato con i fondi dell’8xmille alla Chiesa Cattolica. “La nostra adesione al progetto è frutto e naturale conseguenza di un impegno pluriennale del Consultorio diocesano - ha poi concluso il presidente Vincenzo Serra -. Ci è sembrato perciò importante sostenere i professionisti che mettono a disposizione del Consultorio le proprie competenze nella realizzazione del progetto, che vuole rispondere a problematiche sempre più urgenti sul nostro territorio. È necessario offrire servizi sempre più qualificati e farsi vicini alle donne vittime di violenza, così che si sentano sostenute e accompagnate in un percorso di rinascita. Come Consultorio d’ispirazione cristiana, crediamo e ci impegniamo a promuovere una cultura di vita che educhi al rispetto reciproco tra uomo e donna e nei confronti di ogni persona”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperlonga, tromba d'aria si abbatte sul litorale: danni agli stabilimenti

  • Sermoneta, dolore per la scomparsa della 17enne Angela. I suoi organi salveranno 5 vite

  • Presi con 22 chili di cocaina nel camion della frutta: "Non sapevamo nulla"

  • Aggressione sulla pista ciclabile, l'arrestato al giudice: "Le ragazze mi avevano rubato il telefono"

  • Coronavirus: in provincia nessun nuovo caso, 11 pazienti nel Lazio e un decesso

  • Fiumi di droga dalla Spagna al sud pontino: 22 arresti. Armi e bombe per eliminare i rivali

Torna su
LatinaToday è in caricamento