Assistenza economica, De Marchis: “Pensare un nuovo modello di welfare”

La proposta del consigliere comunale del Partito Democratico a pochi giorni dai disservizi registrati in città per la mancata erogazione dei sussidi destinati alle famiglie disagiate

Giorgio De Marchis, il consigliere comunale del Pd

Pensare un nuovo modello di welfare. Questo l’appello del consigliere comunale del Pd Giorgio De Marchis, a pochi giorni dai disservizi registrati in città per la mancata erogazione dei sussidi destinati alle famiglie disagiate.

“È arrivato il momento di rivedere rapidamente il sistema degli aiuti economici per le persone in condizioni economiche disagiate perché così come è stato pensato nel 2005 non ha più motivo di esistere – commenta De Marchis -. Il Comune di Latina deve prendere atto che attualmente e nel futuro immediato i fondi disponibili per il sostegno alle famiglie in difficoltà saranno sempre meno.

Questo quadro non farà altro che determinare nuovi disagi e situazioni di emergenza sociale dovute in misura crescente alla frustrazione per il mancato contributo economico. È necessario allora rivedere al più presto il sistema di “welfare” comunale e le forme di assistenza economica destinate a cittadini indigenti”.

Pronta dunque una proposta da presentare in Commissione Servizi Sociali e nell’ambito del prossimo bilancio di previsione. “Sosteniamo da anni e continueremo a farlo oggi che c’è bisogno di un nuovo tipo di assistenza che non preveda sostegni a pioggia sulla base di un bando – dichiara De Marchis - ma che consenta ai servizi sociali del Comune di accompagnare le famiglie disagiate e in difficoltà economica in un percorso di reinserimento sociale che sia legato ad un progetto temporalmente definito.

Diversamente quello che accade oggi vede diverse persone ricevere un contributo ordinario e straordinario slegato da ipotesi e azioni di riattivazione e reinclusione sociale. In questa direzione – conclude il consigliere – riteniamo opportuno rivedere il sistema di contributi e assistenza economica mediante la formazione di progetti in grado di assistere temporaneamente le persone e che prevedano l’erogazione di buoni sociali da fornire come supporto a compenso delle spese sostenute dalle famiglie per servizi di tipo civile e sanitario”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Due giovani fermati in auto, i parenti raggiungono la Questura e protestano: un agente ferito

  • Latina, due rapine in un'ora: colpiti un alimentari e un tabaccaio. Pestaggio al titolare

  • Pontina, colpito da un malore mentre è alla guida, muore un automobilista

  • Mega incidente sull'Appia a Sabaudia, auto si ribalta: sei feriti

  • Anche Latina avrà la sua festa di Carnevale: i carri sfilano martedì grasso

  • Traffico di auto e trattori rubati: altro colpo della polizia stradale alla banda

Torna su
LatinaToday è in caricamento