Bsp, a Latina un nuovo polo internazionale della ricerca per la cura del cancro

L'industria farmaceutica acquisisce lo stabilimento ex S.C.M/Gambro. Piano di investimenti per 144 milioni di euro. Si stimano ricadute occupazionali di 400 persone

BSP, con un progetto di accordo di programma che prevede investimenti per 144 milioni di euro, punta alla realizzazione a Latina di un polo internazionale della ricerca, sviluppo e produzione delle terapie innovative per la cura del cancro. Un dialogo durato diversi mesi con il Consorzio di Sviluppo Industriale Roma-Latina si è concluso positivamente con l’acquisizione da parte di BSP Pharmaceuticals dello stabilimento ex S.C.M/Gambro. L’acquisizione si inserisce all’interno di un piano di crescita strategica delle attività di BSP per la creazione di un parco tecnologico, con un profilo altamente innovativo, destinato alla ricerca e allo sviluppo e alla realizzazione di un polo di eccellenza della manifattura farmaceutica nel segmento delle terapie innovative per la cura del cancro.

Il piano di espansione

Il piano di espansione prevede la realizzazione all’interno del campus dell’azienda, che ha una estensione di 21 ettari, di nuove attività produttive per prodotti parenterali a bassa e media potenza farmacologica, per la produzione di specialità nel segmento dell’immunoterapia o trattamenti oncologici di seconda e terza linea. Il potenziamento dell’attività imprenditoriale di BSP prevede anche la realizzazione di laboratori di ricerca dedicati allo studio e all’invenzione di nuovi trattamenti antitumorali.

La ricaduta occupazionale

Un programma di sviluppo che, al suo termine, prevede investimenti per oltre 144 milioni di euro con una ricaduta occupazionale di 400 persone dirette, che si aggiungeranno alle attuali 500, ed altrettanti nell’indotto. Una volta annesso al resto del campus, il sito ex S.C.M./Gambro sarà funzionale allo sviluppo strategico di BSP. Nelle prossime settimane partiranno i lavori di bonifica del sito dismesso, attualmente in uno stato di totale abbandono e degrado avanzato, al termine dei quali avrà inizio la fase di riqualificazione strutturale con la realizzazione delle opere necessarie ad accogliere le nuove attività.

Le dichiarazione dell'ad Aldo Braca

“BSP è impegnata in un grande sforzo di sviluppo delle proprie attività ed in questo contesto un riconoscimento di merito va rivolto al Consorzio di Sviluppo Industriale Roma-Latina e ai suoi amministratori, per la capacità dimostrata di saper dare supporto alle aziende che vogliono investire e crescere nel nostro territorio. La valorizzazione e l’utilizzo delle aree industriali dismesse è una importante misura di promozione industriale che può dare, attraverso una attenta gestione consortile, un forte impulso alla ripresa economica del territorio – ha commentato Aldo Braca, presidente e amministratore delegato di BSP Pharmaceuticals S.p.A - Siamo sicuri che la Regione Lazio ed il suo presidente, così come avvenuto nel 2014 in occasione del primo accordo di programma, non farà mancare il proprio sostegno a questo nostro nuovo progetto di investimento che porterà alla realizzazione nel nostro territorio di un centro di eccellenza a livello mondiale”.

Il commento del presidente Zingaretti 

“Sosteniamo con forza il nuovo progetto di investimento di Bsp Pharmaceuticals nel territorio pontino – ha detto il presidente Nicola Zingaretti nel corso di una visita allo stabilimento - Sono convinto che il loro importante programma di espansione, che prevede nuovi impianti produttivi e laboratori di ricerca all’avanguardia, oltre a una ricaduta occupazionale di 400 posti di lavoro da qui a qualche anno, possa essere una nuova e grande opportunità per l’occupazione e lo sviluppo dell’area di Latina. Noi siamo pronti a sostenere fattivamente questo intervento – ha aggiunto – nel quadro di un’azione sinergica che si dovrà portare avanti assieme al Ministero per lo Sviluppo Economico e a Invitalia. Proprio domani, infatti approveremo in Giunta una delibera programmatica con cui ci impegniamo ad assicurare risorse per 7,5 milioni di euro a dieci tra possibili contratti di sviluppo e accordi di innovazione da attivare al Mise, realizzabili in tutto il territorio regionale; di questi 3,3 milioni di euro, sono destinati al progetto di Bsp”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

  • Un uomo colto da infarto in strada: salvato da un medico e dal 118

Torna su
LatinaToday è in caricamento