Caso Tacconi Sud, il giudice dichiara il fallimento dell’azienda

Il pronunciamento sembra spianare la strada delle lavoratrici da più di un anno in presidio. Ora resta da discutere la modifica della cig e la verifica della presenza di un nuovo acquirente

Dopo 399 giorni di presidio permanente è arrivata finalmente la tanto attesa notizia.

Il giudice ha dichiarato il fallimento della Tacconi Sud. Pssono tirare un sospiro di sollievo le lavoratrici che sono diventate il simbolo della lotta sindacale e che da 13 mesi hanno stabilito un’assemblea permanete nel sito dove lavoravano.

Adesso sicuramente il futuro sembra più roseo, dal momento che la decisione del giudice può effettivamente aprire nuovi e positivi per le dipendenti della Tacconi Sud, ma per ora bisogna mantenere ancora i piedi per terra.

Dopo la nomina del curatore fallimentare ci sono ancora molte cose da discutere tra cui i nuovi ammortizzatori sociale e la modifica della cassa integrazione, e la verifica dell’effettiva presenza di un nuovo imprenditore disposto a rilevare la fabbrica.

I prossimi giorni saranno decisivi.

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

  • Minacce di morte ai carabinieri: Giorgia Meloni in visita alla caserma di Aprilia

  • Si spara con la pistola di ordinanza: muore finanziere in servizio a Gaeta

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento