Cassa integrazione, a giugno -44,4%: sospiro di sollievo per i lavoratori

Il rapporto della Uil parla di un leggero calo rispetto a maggio; diminuiscono quella straordinaria e quella in deroga ma cresce l'ordinaria. Meglio l'industria, male edilizia e artigianato

Diminuisce la cassa integrazione nella provincia pontina. Secondo il tradizionale rapporto mensile che viene redatto dalla Uil sia a livello nazionale che locale, a giugno sembra essere stato tirato un sospiro di sollievo rispetto ai periodi precedenti che avevano visto un’impennata nell’utilizzo degli ammortizzatori sociali.

In totale in tutta la provincia pontina nel mese scorso è stato toccato un -44,4% del numero di ore di cassa integrazione rispetto a maggio - un valore superiore a quello della media nazionale che ha fatto segnare un -9,6% -, il tutto grazie ad una drastica diminuzione delle ore utilizzate nel settore industriale che negli ultimi trenta giorni sono praticamente dimezzate; diminuiscono anche nel settore commerciale mentre continuano ad andare male edilizia e artigianato.

"I dati elaborati dalla Uil relativamente alla provincia di Latina per il mese di giugno 2012, – dichiara Luigi Garullo segretario generale Uil Latina -, vedono una diminuzione complessiva delle ore di cassa integrazione utilizzate, pari al -44,4% per il mese di giugno. La riduzione dell’utilizzo delle ore di cassa integrazione è soprattutto dovuto al settore industria, che passa da 608.649 ore utilizzate a maggio, alle 291.873 di giugno, soprattutto per effetto della sensibile diminuzione della cassa integrazione in deroga e di quella straordinaria; continua invece a peggiorare il settore edilizia che passa da circa 80.000 ore utilizzate a maggio, alle oltre 135.000 di giugno, con un peggioramento di quasi il 70%”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma secondo Garullo, non è tutt’oro quello che luccica; “tiriamo finalmente un piccolo respiro – commenta -, anche se purtroppo non bisogna farsi illusioni, in quanto se analizziamo bene il dato ci accorgiamo che diminuiscono la cassa integrazione straordinaria ( -83,4%) e quella in deroga (-65,3), mentre aumenta quella ordinaria (+53,9%), il che significa che le imprese vedono peggiorare la situazione relativa alle commesse e al proprio portafoglio ordini, e quindi attivano la cassa ordinaria.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Chiede la mascherina al datore di lavoro: licenziato, picchiato e poi gettato in un canale

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Coronavirus, tre nuovi casi in provincia: tutti relativi al cluster di Priverno

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

Torna su
LatinaToday è in caricamento