Ventotene ancora al centro dell’Europa: al via il workshop organizzato dalla Cisl

Sono iniziati i lavori della seconda edizione del convegno “Cittadini d’Europa Lavoratori del Mondo” voluto dal sindacato pontino

Ventotene ancora una volta al entro dell’Europa. Nella giornata di ieri, infatti, hanno preso il via i lavori del convegno dal titolo “Cittadini d’Europa Lavoratori del Mondo” organizzato sull’isola, per il secondo anno consecutivo, dalla Cisl di Latina. Una quattro giorni di workshop e lavori di gruppo alla quale partecipano i giovani quadri che hanno preso parte al progetto di formazione 2018, insieme a tanti delegati delle diverse categorie e rappresentanti sindacali tedeschi, belgi e norvegesi  appositamente giunti in Italia per questo appuntamento.

Ad aprire il lavori il sindaco di Ventotene, Gerardo Santomauro, che ha ricordato la storia europeista dell’isola, e la sua tradizione di apertura al mondo. “Siamo tornati anche quest’anno su questa isola, perché abbiamo scommesso su Ventotene per far nascere un  progetto di formazione con appuntamenti cadenzati dove parlare di Europa ed europeismo, perché come diceva Pastore, il futuro del sindacato o è internazionale o non è ” ha sottolineato il segretario provinciale Roberto cecere nel presentare gli ospiti ed i relatori della prima  giornata di studi.

“Il momento che viviamo non è certo felice - ha esordito Salvatore Di Fusco Segretario USR Cisl del Lazio nel portare ai convegnisti il saluto del sindacato regionale”perché mostra una visione di una Europa traballante che sta spostando il baricentro sulle sovranità nazionali, una cosa che non può che preoccuparci”. Della “necessità di un richiamo al nostro vissuto per irrobustire i nostri giovani sui fondamentali che danno significato alla vita” ha parlato Tonino Masciarelli segretario generale della Fnp Lazio ricordando come “la mia generazione sia cresciuta in una idea di dimensione europea sulla quale si è lavorato molto e con fatica”.

Ulderico Marzioni segretario generale Femca Cisl Lazio ha parlato della “amara e triste constatazione che la questione della costruzione europea ormai non interessa più nessuno se non al sindacato, ma proprio questa difficoltà deve spingerci a rilanciare l’idea di Europa come lotta contro le ragioni che alimentano queste derive populiste” mentre Lino De Luca, presidente del Comitato Inps Latina ha ricordato come “l’idea di Europa sia molto più vicino alle persone nella vita di tutti i giorni di quanto generalmente si pensi” portando come esempio “la necessità di puntare ad una previdenza ed una assistenza unica in tutta Europa, ad un sistema uniformato, considerando la mobilità del lavoro tra gli stati   che aumenta ogni giorno di più”.

Sulla “esigenza che i corpi intermedi riprendano la loro indispensabile funzione di raccordo nella società” ha parlato Francesco Faustinella presidente del Cocopro Inail di Latina auspicando “che da questo convegno e da altri appuntamenti di questo tipo, possano germinare semi in grado di far rinascere una Europa come quella che ha portato, in questi anni, pace e sviluppo”. Claudio Stanzani, presidente SidNova ha spiegato il lavoro che la sua organizzazione svolge a livello Europeo ribadendo il concetto che“non siamo sudditi, come da più parte si vuole far credere, ma cittadini d’Europa che vivono in stati dove le decisioni vengono ancora prese dai governi nazionali. Un processo decisionale dove devono avere posto e dignità anche i corpi intermedi quali il sindacato”.

Roberto Cecere nel chiudere la giornata ha parlato di “una Europa di pace messa oggi in discussione e sulla necessità di non sottovalutare il momento politico anche se i tempi sono decisamente diversi rispetto al passato. Non dobbiamo abbassare la guardia ma organizziamoci per stare insieme”.

Stasera alle ore 21.30 , presso la sala polivalente Umberto Elia Terracini, dove si svolgono i lavori, verrà proiettato il film “Due euro l’ora”. Al termine della serata gli spettatori potranno confrontarsi con l’autrice Donata Carelli.
 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • Corruzione in carcere, il detenuto parla dell'ispettore: "Quando vuole mangiare fallo mangiare subito"

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

Torna su
LatinaToday è in caricamento