Il grido della Coldiretti: “Il vino soffocato dalla burocrazia”

Proposto dalla confederazione un sistema informatico in grado di snellire le pratiche e capace di garantire un coordinamento tra gli enti coinvolti nella gestione del prodotto

“Il peso della burocrazia del vino sottrae ben 100 giornate di lavoro all’anno al tempo passato in vigna e in cantina, costringe ad adempiere ad oltre 70 attività burocratiche, obbliga a relazionarsi con ben 20 diversi soggetti, favorisce l’abbandono delle produzioni doc con un taglio di migliaia di bottiglie al giorno”.

Questo il grido della Coldiretti contro un disagio concreto e reale per i produttori di vino. A tal proposito, quindi la confederazione ha predisposto un “piano salva vino dalla burocrazia” che si fonda su un sistema informatico unico di gestione capace di garantire un coordinamento tra gli enti coinvolti nella gestione del vino, su controlli a campione basati su analisi dei rischi e garanzia della tracciabilità e rintracciabilità delle partite di vino.

L’obiettivo è quello di far diventare il fascicolo aziendale lo “strumento unico dell’impresa viti-vinicola” attraverso il quale adempiere agli obblighi e acquisire automaticamente le autorizzazioni per cui non è necessaria una valutazione discrezionale, sostituendo l’attuale sistema di autorizzazioni con l’invio di semplici comunicazioni.

Ad annunciare le novità il direttore della Coldiretti di Latina, Saverio Viola che ricorda come “anche in terra pontina, il vino rappresenti, ormai, uno dei settori più vivaci ed importanti e, nonostante la crisi che si è registrata in questi ultimi mesi, anche dalle imprese della provincia di Latina si sono registrati segnali importanti nell’export di prodotto e sono stati conquistati livelli di qualità importanti”.

Permangono però ancora una serie di criticità che potrebbero essere ovviate attraverso “una maggiore sinergia degli attori della filiera con le istituzioni potrebbe permettere una concreta azione di marketing che porterebbe beneficio anche al territorio”.

“Si deve seguire la via della semplificazione in vigna per porre rimedio alla riduzione dei terreni destinati a produrre vini a docg e doc – ha detto il presidente di Coldiretti Latina Carlo Crocetti -. Dalla produzione di uva, fino all’imbottigliamento e vendita, le imprese devono assolvere a oltre 70 attività burocratiche e relazionarsi con ben 20 diversi soggetti. Coldiretti propone una legge con 4 passaggi dei quali uno in autocertificazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Daniele Nardi: a un anno dalla scomparsa la moglie racconta l'impresa sul Nanga Parbat

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Pontina, colpito da un malore mentre è alla guida, muore un automobilista

  • Sette etti di cocaina e un revolver nascosti in casa: blitz e arresto della squadra mobile

  • Cosa fare a Carnevale? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento