Corden Pharma, svolta nella vertenza dopo l’accordo in Regione

Incontro tra società e sindacati insieme all'assessore Zezza che si dice soddisfatta: "Rispetto alla procedura di mobilità per 213 lavoratori il numero degli interessati è stato ridotto a 160"

Importante svolta durante l’incontro di oggi che si è tenuto in Regione tra l’assessore al Lavoro e Formazione Mariella Zezza, le sigle sindacali e i vertici della Corden Pharma. Otto mesi di cassa integrazione in deroga in attesa di poter accedere a quella straordinaria durante il 2012 che riguarderà 160 dei 213 lavoratori nei confronti dei quali era stata aperta una procedura di mobilità.

Dopo l’accordo che era stato raggiunto nei giorni scorsi dalle organizzazioni di categoria e dalla società, un ulteriore passo in avanti per la salvaguardia dei lavoratori arriva dal tavolo di oggi

Rispetto all’iniziale procedura di mobilità attivata da parte dell’impresa per 213 lavoratori, infatti – ha spiegato l’assessore regionale al Lavoro e Formazione -, nell’incontro di oggi il numero dei dipendenti interessati alla riorganizzazione è stato ridotto a 160".

"La concessione della cassa integrazione in deroga è frutto di un confronto costruttivo che ha visto prevalere la necessità di ridurre il più possibile l’impatto sociale della vertenza. Grazie all’impegno di tutti, ma soprattutto alle politiche che abbiamo messo in capo, siamo riusciti a trovare una soluzione che pone già le basi per lo sviluppo delle attività aziendali nei prossimi anni. E’ un’ulteriore dimostrazione – ha concluso l’assessore Mariella Zezza - del ruolo propositivo della Giunta Polverini per risolvere ogni singola vertenza del nostro territorio”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • Ordinano condizionatori e pagano solo l'acconto: la merce era in un deposito in provincia di Latina

Torna su
LatinaToday è in caricamento