Cori: week end all’insegna delle eccellenze enogastronomiche e delle ricchezze culturali

Migliaia di persone hanno partecipato ai due eventi del fine settimana, "Cori, Vini nei Cuori" e "Cantine Aperte", fgustando le eccellenze enogastronomiche di Cori e scoprendo il patrimonio culturale della Città d'Arte

(foto Fernando Bernardi)

Ha riscosso un grande successo “Cori, Vini nei Cuori”, la maninfestazione che alla sua prima edizione si è tenuta nel fine settimana appena trascorso nel centro lepino ospitata dal Complesso Monumentale di Sant’Oliva. 

Almeno due migliaia di persone hanno gustato le eccellenze enogastronomiche di Cori e vissuto il patrimonio culturale della Città d’Arte. 

L’iniziativa, organizzata dal Comune di Cori – Assessorato alle Attività Produttive e Settore Cultura - e dalla Pro Loco Cori, con il patrocinio del Consiglio Regionale del Lazio, verrà riproposta il prossimo anno, coinvolgendo tutti i prodotti tipici locali. 

I calici di vini di qualità delle cantine coresi - Cincinnato, Marco Carpineti e Pietra Pinta - tra cui i rossi e i bianchi ottenuti dai vitigni autoctoni Nero Buono di Cori e Bellone, si sono accompagnati ai piatti tradizionali preparati dalle storiche trattorie, Ottavio Zampi, da Checco di Luca Zerilli e Settecamini di Cucchiarelli Maria, e agli assaggi di formaggi e olive nostrani e del prosciutto cotto al vino di Cori serviti da Le Bontà di Patrizia Corbi e dalla Macelleria Lepini di Saccucci Franco.

In mostra anche l’EVOOCORI, l’extra virgin olive oil made in Cori: I Lori, Rupe Bianca, Rosa&Meo, Odisseo, Frantoio Appetito. L’informazione è stata affidata al seminario “Profano e Sacro: Vino e Olio nella simbologia, nella storia e nell'economia della Città di Cori” e alle degustazioni sensoriali, a cura di Davide Marrocco, Sommelier AIS; Giulio Scatolini, Capo panel C.O.I.; Luigi Centauri, Presidente CAPOL; con interventi di Tommaso Conti, Sindaco di Cori e Sabrina Pistilli, Delegata all’Agricoltura.

L’Arcadia ha guidato i visitatori alla scoperta del Museo della Città e del Territorio di Cori e del centro storico; la Pro Loco Cori della Cappella della Santissima Annunziata, mentre gli Sbandieratori di Cori – Contrade, Leone Rampante e Rioni, hanno esibito l’arte del maneggiar l’insegna.  E ancora, musiche e danze del ‘500 con la Compagnia Rinascimentale Tres Lusores e il Corteo del Carosello Storico dei Rioni di Cori. Infine le coreografie di fuoco degli artisti di strada Fire Animation.

Il weekend diVino sull’antica Cora è stato arricchito anche dal concomitante evento enoturistico nazionale “Cantine Aperte”, promosso dal Movimento Turismo del Vino, e al quale hanno come sempre aderito i due soci coresi - Marco Carpineti e Pietra Pinta - che hanno accolto in azienda oltre 500 enonauti a testa, venuti a conoscere da vicino come nascono i vini di Cori, ormai conosciuti in buona parte del mondo, godendo al contempo del paesaggio e della cucina del territorio. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sezze, prostituzione minorile: 50enne fa sesso con una ragazzina pagando la madre

  • Straordinaria scoperta a Priverno: scheletri e sepolture di epoca medievale

  • Lavori sulle condotta idrica, Latina senza acqua giovedì 12 settembre

  • Garage a fuoco in via Geminiani: evacuato un palazzo. Intossicati alcuni residenti

  • Incidente sul lavoro a via Monti, lesioni compatibili con la caduta dal ponteggio

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento