Licenziamenti alla Corden Pharma, la lunga settimana dei lavoratori. La battaglia continua

Lo spiraglio aperto dell’ipotesi degli ammortizzatori sociali ha ridato speranza ai dipendenti; ma la vertenza è appena iniziata

Lavoratori in presidio durante il tavolo al Ministero

Una lunga settimana quella vissuta dei lavoratori della Corden Pharma dopo la doccia fredda degli esuberi, 192 su 492 dipendenti, annunciati dall’azienda nel corso dell’incontro in Prefettura del 9 novembre. 

Esuberi e taglio degli stipendi che camminano di pari passo anche con la richiesta da parte della Corden di un concordato di continuità. Uno spiraglio si è aperto nel corso dell’incontro che venerdì scorso c’è stato presso la sede di Unindustria: la società si è mostrata pronta a valutare l’ipotesi degli ammortizzatori sociali ridando così una speranza ai lavoratori che sono in presidio davanti lo stabilimento di Sermoneta. 

Vanno cauti i sindacati; le criticità sono ancora molte e ricordano come la vertenza sia ancora solo all’inizio. Sindacati che hanno contestato il piano presentato dall’azienda e ribadito anche nel corso del tavolo che il 15 novembre si è tenuto al Ministero del Lavoro a Roma. Un incontro, però, quello di giovedì scorso in cui è emersa forte la volontà comune da parte di tutte le Istituzioni di salvare l’azienda e il lavoro dei dipendenti a rischio, attraverso un piano industriale credibile.  

Istituzioni locali che sono scese subito in campo al fianco dei lavoratori a cui hanno espresso la loro solidarietà e che hanno incontrato nei giorni scorsi davanti al presidio di Sermoneta. Gli stessi sindaci dei territori interessati, Latina, Sermoneta, Norma e Sezze, che insieme al presidente della Provincia Carlo Medici hanno firmato in settimana un documento in cui si chiede al Governo il riconoscimento per la provincia di Latina dello stato di “area di crisi industriale complessa”.      

Ora la palla passa in mano di nuovo all’azienda che durante l’incontro in Unindustria si è impegnata ad attivarsi presso le istituzioni nazionali e regionali e presso i Ministero del Lavoro e dello Sviluppo Economico per capire quali sono gli strumenti per fronteggiare la crisi. Intanto per il prossimo 3 dicembre è stato convocato un nuovo tavolo presso Unindustria.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Gaeta, anziana presa a calci e pugni sull'autobus: denunciato l'aggressore

  • Cronaca

    Controlli a tappeto della polizia stradale: multe e sequestri per mancata assicurazione

  • Cronaca

    Banda dei furti in villa, la Procura dice no agli arresti domiciliari

  • Cronaca

    Ruba energia elettrica dal contatore del condominio: finisce agli arresti

I più letti della settimana

  • Polizia in zona pub, rifiuta il drug test e chiama il suo avvocato: lui arriva ubriaco

  • Carni invase dalla muffa nella cella frigorifera: caseificio aziendale chiuso dai Nas

  • Traffico illecito di rifiuti: sottratti a Roma e rivenduti al centro rottami di Cisterna

  • Pestaggio in strada: vittima un 28enne di Latina. Caccia agli aggressori

  • Latina, rivoluzione al Goretti: ecco il laboratorio di analisi del futuro

  • Provocò un incidente mortale sulla Pontina, condannato a due anni

Torna su
LatinaToday è in caricamento