Porto di Gaeta: l'allarme "Calo dei traffici e delle merci in transito"

L'Associazione degli Operatori del Porto di Gaeta ha posto all'attenzione dell'Autorità dei Porti di Roma e del Lazio il notevole calo dei volumi che ha interess

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

L'Associazione degli Operatori del Porto di Gaeta ha posto all'attenzione dell'Autorità dei Porti di Roma e del Lazio - e per conoscenza alla Capitaneria di Porto, al Comune di Gaeta e all'Ufficio delle Dogane - il notevole calo dei volumi che ha interessato il porto negli ultimi mesi.

"Il 2015 - recita la nota del presidente Damiano Di Ciaccio - si prospetta come il peggior anno in termini di volumi degli ultimi 20 anni del Porto Commerciale di Gaeta. Segnaliamo gli sforzi compiuti dagli operatori per sviluppare nuove attività e mantenere i traffici storici che forniscono sostentamento al comparto portuale e al relativo indotto.

Tale drammatica situazione si verifica a causa della precaria situazione dei mercati con forte crisi delle aziende e realtà industriali sul nostro territorio. Inoltre, le limitazioni infrastrutturali e gli alti costi tecnico-nautici dell'approdo gaetano, sommate alle aggressive azioni messe in campo - sinergicamente da operatori e autorità - dei porti limitrofi concorrenti (Napoli, Salerno, Torre Annunziata, Ortona, Vasto) - producono un inevitabile calo in termini di volumi e di produttività del nostro porto, che al termine dell'anno corrente si stimi movimenterà merci per un -43% rispetto al 2014.

Tale drastico calo dei volumi incide in maniera determinante sull'economia dell'intero comparto portuale (500 famiglie tra lavoratori diretti e indiretti) tale da giustificare misure mai adottate in precedenza dagli operatori portuali, quali il ricorso alla cassa integrazione preludio a riduzioni di organico.

Ravvisiamo la necessità di interventi urgenti per garantire il rilancio dello scalo e dei traffici, quali anticipazione dei termini per fornire le infrastrutture portuali utili a competere con scali limitrofi come fondali, piazzali e altro, oltre ad azioni utili a tutelare l'esclusività dei servizi portuali a favore degli operatori portuali artt. 16 e 17, ed allineamento dei costi tecnico nautici dello scalo gaetano per poter competere con i porti limitrofi".

Qui di seguito, si riporta la sintesi dei volumi del Porto di Gaeta, relativa agli ultimi 4 anni:
Anno Totale tonnellate
2012 625.574
2013 593.083
2014 713.681
2015 (1° sem.) 228.822
Previs. 2015 410.000 (pari a -303.681 t e -43% sul 2014)

Torna su
LatinaToday è in caricamento