Rama Energy di Cisterna, Raffaella Mazzoli tra le imprenditrici premiate da Zingaretti

Riconoscimento "Innovazione Sostantivo Femminile" per l'imprenditrice e tutto il team della giovanissima azienda cisternese: il premio per aver presentato uno dei progetti più innovativi tra tutte le aziende delle 5 provincie del Lazio

Riconoscimento "Innovazione Sostantivo Femminile” per la Rama Energy, azienda innovatrice di Cisterna. 
Ed è stata una cerimonia all'insegna della parola opportunità quella che si è svolta ieri, martedì 8 marzo, nella fantastica cornice del Chiostro del Bramante a Roma dove l’imprenditrice Raffaella Mazzoli con tutto il team Rama Energy (nella foto in basso), giovanissima azienda cisternese, è stata premiata per aver presentato uno dei progetti più innovativi tra tutte le aziende delle 5 provincie del Lazio.

“Abbiamo messo a punto - spiega Mazzoli - un sistema di monitoraggio che renderà le abitazioni ‘smart’ per garantirne uno standard qualitativo interno, a partire dalla salubrità dell'aria fino al controllo del giusto apporto di calore attivo e passivo. Il progetto pilota verrà installato inizialmente nell'abitazione da noi realizzata in bioedilizia paglia/legno, già selezionata per Expo Milano 2015.
Inoltre tale sistema sarà in grado di monitorare il tetto verde che realizzeremo in collaborazione con la Sapienza Università di Roma - dipartimento di Biologia Ambientale guidato dal Prof. Fausto Manes e Giovanna Abbate al fine di indirizzarci verso gli obiettivi di Horizon 2020 quali la salvaguardia della biodiversità e una progettualità nature-based. 

rama_energy_premio_1

Nell'era del cloud computing sistema permetterà di creare una piattaforma in grado di monitorare in tempo reale tutti i parametri ambientali all'interno delle nostre abitazioni quindi soluzioni efficaci per rendere le nostre abitazioni: salubri, efficienti e smart” conclude Raffaella Mazzoli.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

Torna su
LatinaToday è in caricamento