Ugl contro la riforma previdenziale del Governo: volantinaggio al mercato

L’iniziativa nella mattinata di martedì 5 novembre per spiegare le ragioni del “no”. Giaccherini: “Abbiamo trovato tanti giovani disillusi e convinti di non poter mai acquisire il diritto alla pensione”

Mobilitazione ieri mattina, 5 dicembre, dell’Ugl che ieri mattina con un volantinaggio all’interno del mercato settimanale ha voluto informare i cittadini sulle politiche previdenziali del governo Gentiloni e sulle ragioni per cui il sindacato si dice contrario.   

Il segretario generale Giuseppe Giaccherini, il responsabile della Sicurezza Civile Giampiero Catone e quello dell’Igiene Ambientale Anna Moretti si sono intrattenuti con i cittadini. “Abbiamo trovato molte persone interessate alle nostre ragioni – spiega Giaccherini – ma anche diverse disilluse che non pensano minimamente alla pensione. Si tratta soprattutto dei giovani che non hanno speranza e credono di non poter mai arrivare ad acquisire un diritto fondamentale. 

Il loro scoramento ci preoccupa e deve essere un campanello d’allarme per il governo perché, così com’è oggi la situazione, sarà davvero difficile per tante generazioni poter arrivare a godere del meritato riposo retribuito in base ai sacrifici fatti durante la vita lavorativa. Abbiamo anche incontrato pensionati che, avendo acquisito il diritto, non sono interessati alla questione. A loro dico invece di sostenere le nostre iniziative perché in ballo c’è il futuro dei figli e dei nipoti”. 

“Il volantinaggio deve essere un trampolino di lancio per manifestazioni più concrete da mettere in atto già a partire dal prossimo mese di gennaio - prosegue il segretario generale -. Se il Governo non volesse accogliere le richieste che arrivano per modificare il dispositivo previdenziale allora occorrerà lo sciopero generale. Questo però non spetta a me deciderlo ma saranno i vertici nazionali a prendere la decisione”. 

Sono  quattro i “no” dell’Ugl alle politiche previdenziali del Governo che sono state illustrate ieri nel corso del volantinaggio: “No all'ennesimo stratagemma sulle pensioni, No all'automatismo rispetto all'aspettativa di vita, No alla penalizzazione previdenziale di giovani e donne, e No ai burocrati europei che considerano la legge Fornero un tabù intoccabile, un provvedimento fatta invece solo per fare cassa e non certo per difendere le pensioni degli italiani”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

  • Coronavirus: salgono a 536 i casi in provincia, nel Lazio sono 3786 gli attuali positivi

  • Coronavirus, contagi a Priverno. Il sindaco spegne le polemiche: “Nessuna zona rossa”

Torna su
LatinaToday è in caricamento