Marcia della Transumanza, partita da Anzio farà tappa Cisterna per sfilare lungo il corso

L'arrivo della carovana di uomini e cavalli prevista per oggi pomeriggio. Domani mattina la ripartenza; destinazione finale Jenne martedì 13 agosto

Partita questa mattina da Anzio, farà tappa nel pomeriggio di oggi, venerdì 9 agosto, a Cisterna la XXVII edizione della Marcia della Transumanza organizzata dalla Libera Università Popolare dell'Agricoltura L.U.P.A. Partita da Anzio la carovana di uomini e cavalli attraversa 14 comuni fino a raggiungere il piccolo comune di Jenne. 

Dopo la colazione e la benedizione di cavalli e cavalieri, il corteo è partito per questa nuova avventura; raggiungerà Cisterna, la “patria dei butteri”, intorno alle ore 17 con una sfilata lungo corso della Repubblica con il saluto da parte delle autorità. Quindi raggiungerà l’impianto equestre de “Il Filetto” dove i butteri e i cavalieri si esibiranno e, sotto le secolari querce dell’ex Macchia di San Biagio, consumeranno la cena per poi trascorrere la notte sotto il cielo stellato.

Domani mattina  la carovana percorrerà i sentieri lungo le tenute storiche di Torrecchia Nuova e Torrecchia Vecchia arrivando al lago di Giulianello di Cori con pranzo lungo la riva. Nel pomeriggio riprenderà la marcia e nei giorni successivi toccherà i comuni di Artena, Colleferro, Paliano, La Forma, il valico di Monte Scalambra, gli Altipiani di Arcinazzo, le sorgenti del fiume Aniene, la scenografica fiaccolata di Trevi nel Lazio, per giungere infine martedì 13 a Jenne con la cerimonia di chiusura della manifestazione in piazza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Tra le finalità dell'evento – spiega Antonio Volpi, presidente della L.U.P.A. – c’è l’intento di portare a conoscenza dei cittadini l'arte e il sapore di un'epoca irrepetibile ormai quasi dimenticata. L'obiettivo è il recupero e riqualificazione delle tradizioni che hanno rappresentato un momento importante di una vita vissuta da un popolo di allevatori, pastori, che ha sfidato questa terra selvaggia e ormai da generazioni ne fanno parte. Ma la marcia non è soltanto rievocazione storica, bensì anche l’esempio e possibile modello di un turismo rispettoso della storia e dell’ambiente”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente nella notte sull'Appia, un morto e due feriti gravissimi

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Coronavirus, 14 casi nel Lazio. Regione: “A Terracina positivo un uomo del Bangladesh”

  • Coronavirus: nel Lazio 920 casi, 19 in più rispetto a ieri e 709 persone in isolamento domiciliare

  • Coronavirus, quattro nuovi casi positivi a Formia. L'annuncio del sindaco

  • Coronavirus Latina: i contagi crescono ancora, tre nuovi casi in provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento