Phoenix Fest: Loud n’Proud e Taprobana live a Formia

Nuovo appuntamento con la seconda edizione del Phoenix Fest di Formia la rassegna musicale dedicata al metal e al rock.

Si prosegue sabato 18 gennaio con un cambio di genere, dalle tinte cupe del doom si passa a quelle più allegre del funky/blues dei Loud n'proud e quello più ricercate del rock psichedelico dei Taprobana.

I Loud n’Proud sono una band originaria del sud pontino dove sono conosciuti e amati per le sonorità blues, rock, funk, soud e r&b dei loro brani. Loud n’Proud sono: Lorenzo Di Russo al basso e alla voce, Antonio Di Ciaccio alla chitarra e Simone Pannozzo alla batteria.

I Taprobana sono una band romana formata da Odawin alla voce e tastiere, Johnny Morello alla voce e al basso elettrico, Richard Castellani alla chitarra elettrica e GianLuke alla batteria. Arrivano direttamente dalle 33° edizione di Sanremo Rock e porteranno a Formia il loro “PyschiRock”, un rock psichedelico che si arricchisce di sonorità orientali.

L’appuntamento

È dunque per sabato 18 gennaio alle ore 22 presso la sala Falcone-Borsellino a Formia.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Concerti, potrebbe interessarti

  • Micol “Arpa Rock” apre il suo Street Music Tour a Latina

    • 13 febbraio 2020
    • Teatro Moderno
  • Napulitanata al Circolo Cittadino

    • 31 gennaio 2020
    • Circolo Cittadino

I più visti

  • I SognAttori presentamo la rassegna di teatro amatoriale: Il Teatro è per Tutti

    • dal 26 ottobre 2019 al 16 maggio 2020
    • Teatro San Francesco
  • Favole di Esopo al Tempio di Giove Anxur

    • fino a domani
    • dal 30 novembre 2019 al 25 gennaio 2020
    • Tempio di Giove Anxur
  • A Private Matter: alla LM Gallery lo sguardo indiscreto di sette artisti internazionali

    • Gratis
    • dal 30 novembre 2019 al 26 gennaio 2020
    • LM Gallery Arte Contemporanea
  • “Mai Più” a Fondi: per non dimenticare la Shoa

    • Gratis
    • dal 26 al 30 gennaio 2020
    • Museo Ebraico
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    LatinaToday è in caricamento