Formia, si chiude la tre giorni dedicata al mare. Presentato il logo “Plastic Free” del Comune

Pulizia dei fondali nelle acque antistanti il piazzale Vespucci: raccolti bottiglie di plastica, di vetro, pezzi di imbarcazioni, ferro e altri rifiuti. Poi svelato il logo “Formia Plastic Free”

Si è chiusa ieri, domenica 26 maggio, a Formia la tre giorni dedicata al mare, alla pulizia delle spiagge e dei fondali marini. Una domenica molto particolare che al molo Vespucci ha visto anche la presentazione del logo “Formia Plastic Free” da parte del Comune. “Continuiamo un percorso intrapreso qualche mese fa con Legambiente, con le associazioni di categoria, con la Capitaneria di Porto, con la Protezione Civile Ver Sud Pontino, con gli operatori balneari, e con Fare Verde e l'associazione ‘Mamurra’ nel gestire piccole iniziative su varie tematiche ambientali in città. Noi - ha detto il sindaco Paola Villa nel corso della conferenza di fine manifestazione - da subito appena insediati abbiamo chiesto la collaborazione ai balneatori nella pulizia delle spiagge anche libere, ma in tanti associazioni e singoli si sono autorganizzati e hanno ricevuto supporto da parte dal Comune e dalla Formia Rifiuti Zero”. 

La tre giorni per il mare

Nel corso della terza giornata di “Spiagge e Fondali puliti”, i sette subacquei dell'associazione Asd “Vivere il Mare”, tra cui il piccolo Lorenzo Treglia, si sono immersi nello specchio d’acqua antistante il piazzale Vespucci riportando sulla terraferma detriti e rifiuti depositati nel tempo: bottiglie di plastica, di vetro, pezzi di imbarcazioni, ferro e altri rifiuti. Il fine settimana si era inaugurato venerdì con la pulizia, al Parco Riviera di Ulisse, del porticciolo romano compiuta dagli studenti degli Istituti Comprensivi “Vitruvio Pollione” e “Pasquale Mattej” e ieri gli allievi del terzo anno dell’Istituto Tecnico per Geometri “Bruno Tallini” ad indirizzo biotecnologie ambientali sono stati coinvolti in un progetto molto particolare. Accompagnati dai loro docenti e dal tecnico di laboratorio hanno fatto prelievi delle acque, della temperatura, dell’ossigenazione delle stesse acque nel tratto prospiciente rio Santa Croce e nella zona dello “Spiaggione”.

“Con le associazioni in queste due giorni abbiamo vissuto delle esperienze incredibili che hanno coinvolto le scuole e gli studenti – ha proseguito il sindaco -. Abbiamo notevoli potenzialità sul territorio e vanno sfruttate appieno. Un aspetto da sottolineare è la piena collaborazione legale, logistica e operativa, appena ci siamo insediati, con la Capitaneria di Porto e il comandante dell’Ufficio Marittimo Michele Danza. Con lui stiamo facendo un lavoro certosino su tutti gli scarichi fognari che riguardano il nostro Comune. Stiamo mettendo mano a situazioni in maniera non punitiva, ma informativa. Chi non ha impianti di sollevamento deve adeguarsi e mettersi in regola. Questo è il modo di procedere di questa amministrazione: collaborazione, coordinamento, coinvolgimento e non spirito punitivo perché bisogna mettersi in gioco e rimboccarsi le maniche”. Preziosa è stata l’associazione dilettantistica Asd Vivere il Mare”. “Un forte ringraziamento – ha rilevato il sindaco Villa – va rivolto al gruppo di subacquei ed è proprio grazie a loro che ci sono informazioni più dettagliate di cosa c’è sotto il mare e ai volontari della Protezione civile Ver Sudpontino, perché questi ragazzi ci hanno consentito fino ad oggi, in 11 mesi di amministrazione, di fare tutto quello che abbiamo potuto fare”. 

A rappresentare il capo di compartimento marittimo di Gaeta Andrea Vaiardi c’era il tenente di vascello Nicoletta Senese: “Ringraziamo il sindaco che ci ha permesso di essere qui vicino a lei in questa splendida manifestazione e alla presentazione del logo Plastic Free. Questo dimostra come Formia sia un Comune virtuoso dal punto di vista ambientale. Importante essere presenti perché insieme al Ministero dell’Ambiente siamo promotori del progetto Plastic Free Guardia Costiera, una campagna di sensibilizzazione ambientale rivolta soprattutto ai bambini e ai ragazzi per avere un futuro migliore. Ormai ci siamo resi conto di come sia pericolosa la plastica e secondo una stima ci sono 8 milioni di tonnellate di plastica nei mari. Evitiamo di buttare plastica e rifiuti in mare, facciamo la raccolta differenziata. Liberiamoci finalmente della plastica monouso”. 

L’ordinanza 

Il sindaco Villa ha ricordato inoltre che l’ordinanza Plastic Free andrà in vigore dal prossimo 15 giugno, è stata fatta in maniera tale da gravare il meno possibile sulle attività e riguarda soltanto le attività balneari che si trovano su area demaniale. E ha osservato come il “Comune abbia preferito liberarsi della plastica in maniera graduale e sperimentale. Le attività hanno tempo fino al 15 luglio per smaltire le riserve, molti si stanno già organizzando per acquistare materiale biodegradabile in sostituzione della plastica e l’ordinanza è in vigore fino al 31 ottobre. Poi in questo periodo saranno raccolte tutte le osservazioni, coinvolte altre associazioni, oltre alla Cna, la Confcommercio e il Sib". “Bisogna recepire e reperire i fondi per dragare e ripulire i nostri lungomare – ha concluso il sindaco - Stiamo percorrendo questa strada e lavorando molto dopo aver ereditato situazioni particolari. Sono attività che l’amministrazione ha messo tra le priorità perché questa località diventi turistica a 360°, se l’ambiente lo consentirà”. 

Il logo Plastic Free

A fine conferenza è stato svelato il logo “Plastic Free” del Comune di Formia. Un logo elaborato da un confronto fra tutti. Rappresenta una bottiglia che va via via scomparendo per lasciare posto alle foglie, alla natura. L’iniziativa di Legambiente ha visto tra i protagonisti il presidente del circolo Verde Azzurro Sud Pontino, Dino Zonfrillo: “Si tratta di acque di porto da cui non ci possiamo aspettare di avere il massimo della trasparenza o della pulizia. E’ un ottimo risultato, che quanto meno ci ha consentito di avere un quadro preciso dei rifiuti abbandonati e quindi predisporre un piano di recupero. Il resto delle acque nel nostro territorio sono abbastanza buone, in linea con altri dati di altre zone. Restano le criticità del rio Santa Croce. E’ importante la collaborazione e la presenza anche delle scuole con la campagna di sensibilizzazione di Legambiente Onlus, ‘Clean Up The Med’”.  Infine il presidente di Cna Balneatori Gianfilippo Di Russo ha rimarcato la stretta sinergia tra le associazioni e il Comune di Formia: “Lo spiaggiamento dei rifiuti invernali è veramente un dramma, noi subiamo l’afflusso del rio Santa Ccroce, del Pontone e del Garigliano che con le correnti riversano grandi quantità di materiale in spiaggia. Noi operatori balneari e spesso anche le associazioni di cittadini, ci adoperiamo anche per la pulizia invernale con la cernita di tutti quelli che sono materiali riciclabili. L’invito all’amministrazione e alle associazioni è di tenere pulite le spiagge anche d’inverno per una maggiore fruizione da parte di tutta la popolazione formiana”.

Potrebbe interessarti

  • Tiziano Ferro si è sposato, nozze blindate nella sua villa di Sabaudia

  • Il mare di Terracina premiato dai pediatri: consegnata la Bandiera Verde 2019

  • La Notte della Luna: Achille Lauro e non solo, tutti gli eventi del 20 luglio

  • “Festival della Commedia Italiana” a Sabaudia: grande entusiasmo per la serata inaugurale

I più letti della settimana

  • Tiziano Ferro si è sposato, nozze blindate nella sua villa di Sabaudia

  • Latina, sentiti spari sulla Pontina: forse un tentato suicidio

  • Incidente sulla Pontina a Sabaudia: investito ed ucciso mentre è in bici. Caccia al pirata della strada

  • Sperlonga, malore mentre fa il bagno: muore un uomo di 55 anni

  • Grave incidente a San Felice Circeo: diversi i feriti tra cui due bambini

  • Meteo a Latina: arriva la pioggia, break dell’estate. Allerta della Protezione Civile

Torna su
LatinaToday è in caricamento