Il Giardino di Ninfa è sempre più “verde" grazie ad una manutenzione ad emissioni zero

Con il contributo di Findus il giardino si è dotato di attrezzature elettriche utilizzando, in questo modo, solo energia pulita

Il Giardino di Ninfa sempre più “verde”: dichiarato Monumento Naturale dalla Regione Lazio nel 2000, grazie al contributo di Findus, uno dei principali brand alimentari in Italia e leader nel mercato dei surgelati, il giardino può vantare ora una manutenzione ad emissioni zero grazie all’utilizzo di attrezzi elettrici. Questo il frutto di un accordo che vede protagoniste due importanti realtà di Cisterna.

Da un lato dunque il Giardino che, viene ricordato in una nota congiunta, “curato dalla Fondazione Roffredo Caetani, ospita 1300 piante provenienti da ogni angolo del mondo e 100 uccelli censiti, su una superficie di circa 8 ettari. Tra ruscelli e il fiume di Ninfa sorgono anche i resti dell'antica città medievale che si confondono tra i colori della vegetazione del giardino romantico. Uno spettacolo unico che incanta migliaia di visitatori ogni anno”.  E dall’altro lo stabilimento Findus: “è qui che dal 1964 si inizia a produrre, quando ancora il mercato dei surgelati era in fase embrionale. Oggi è da qui che nascono prodotti icona come i Bastoncini di Capitan Findus, i 4 Salti in Padella o i Minestroni Findus. Lo stabilimento attualmente impiega oltre 300 dipendenti, conta 18 linee di produzione, produce 150 diverse referenze, per un totale di 80 mila tonnellate di prodotti, e produce oltre l’80% dei volumi di Findus”.

“Da oltre un secolo - commenta Tommaso Agnoni, presidente della Fondazione Roffredo Caetani - il Giardino di Ninfa è praticamente autosufficiente perché produce energia elettrica grazie alla presenza di una centrale installata all'inizio del secolo scorso proprio dalla famiglia Caetani. Il concetto di rispetto per l'ambiente è dunque nella storia di questi luoghi ed è stato tramandato grazie alla costituzione della Fondazione Roffredo Caetani che continua a conservarli e a tramandare il messaggio di salvaguardia e tutela del patrimonio naturale, storico e artistico che ci è stato lasciato. Ringraziamo Findus per il contributo dato che ci aiuta a mantenere intatta questa oasi di bellezza nel pieno rispetto delle regole che ci siamo dati da sempre e che prevedono, ad esempio, il totale divieto dell'uso di pesticidi nel Giardino di Ninfa ed altri importanti accorgimenti che la rendono così bella e così magica”.

“Ci fa molto piacere essere partner di un’eccellenza del nostro territorio - commenta con soddisfazione Renato Roca, Direttore Marketing Findus - entrare in contatto con il Giardino di Ninfa ci è venuto naturale vista la nostra vicinanza geografica. Questo è solo un piccolo contributo che si inserisce in un percorso molto più ampio che stiamo portando avanti di attenzione alla sostenibilità, anima della nostra filosofia di Gruppo.”

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Sezze, prostituzione minorile: 50enne fa sesso con una ragazzina pagando la madre

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

Torna su
LatinaToday è in caricamento