Mobilità e turismo: una rete di piste ciclabili tra Monte San Biagio, Sperlonga e Fondi

Il consigliere pontino di Forza Italia Simeone: “Un milione di euro dalla Regione per la realizzazione della rete ciclabile nella provincia di Latina. Un primo passo per dare corpo all’importante progetto”

Una rete di piste ciclabili che mette in collegamento i comuni di Monte San Biagio, Sperlonga e Fondi: questo il progetto su cui punta l’attenzione il consigliere regionale di Forza Italia Giuseppe Simeone e che ha compiuto un importante passe anche grazie alla Regione.

“Il Consiglio regionale - spiega Simeone in una nota -, nell’ambito della discussione sulla proposta di bilancio 2016, ha approvato l’ordine del giorno che ho presentato per impegnare la giunta a mettere in atto ogni azione necessaria alla realizzazione di una rete di piste ciclabili in alcuni Comuni della provincia di Latina. Con l’ordine del giorno è stato previsto lo stanziamento di 1 milione di euro, per il 2016, che consentirà di compiere un primo passo importante per la realizzazione di questo progetto di mobilità alternativa nel rispetto dell’accordo di programma firmato a settembre 2011, sotto la presidenza di Armando Cusani, tra la Provincia di Latina, i Comuni di Monte San Biagio, Sperlonga e Fondi, l’Ente Parco Naturale Monti Ausoni e Lago di Fondi e il Consorzio di Bonifica Sud Pontino”.

“Un progetto di ampio respiro, compatibile con le previsioni dei piani regolatori dei singoli Comuni interessati ampliandone i contenuti per garantire l’attuazione degli interventi a sostegno della mobilità - prosegue l’esponente pontino alla Pisana -. La rete delle piste ciclabili sarà destinata al traffico quotidiano e all’uso ricreativo sotto forma di percorsi ciclabili d’escursione e di percorsi a lunga distanza.

In più una rete di piste ciclabili intercomunali aumenta l’attrattivitá della bicicletta nel superamento dei percorsi quotidiani costituendo in questo modo un’infrastruttura turistica ed un’alternativa al traffico motorizzato. In questo modo sarà possibile promuovere un turismo intelligente e non distruttivo delle risorse locali, che si basa sulla riproducibilità dei valori sociali e delle risorse naturali, garantendo una nuova forma di sviluppo economico del territorio nel rispetto dell'ambiente e delle caratteristiche dei territori interessati”.

Non solo. Per Simeone, “mediante il recupero, il riuso e l’adeguamento funzionale delle infrastrutture esistenti si potrebbe garantire la realizzazione di un sistema di rete delle piste ciclabili con soluzioni di connessione tra il litorale, il sistema dei laghi costieri e le principali emergenze di interesse naturalistico (la duna costiera, la aree protette, le sorgenti e le aste fluviali ecc.) e storico culturale (i centri storici, gli edifici di culto, le architettura della bonifica, l’antica via Appia ecc.) nella provincia di Latina”.

“Ora l’obiettivo deve essere fare in modo che questo ordine del giorno non resti carta straccia” conclude il consigliere pontino. 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Latina usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novembre 1985: l'atroce delitto di Rossella Angelico. Latina la ricorda intitolandole una rotonda

  • Maltempo, tragedia sfiorata: cade un albero su un'auto in transito

  • Operazione Astice secondo atto: nuovi arresti a Latina

  • Maltempo a Gaeta, “La Signora del Vento” danneggiata dalla forte mareggiata

  • Meteo a Latina: peggiorano le previsioni, l’allerta da gialla passa ad arancione

  • Terracina allagata e il maltempo non dà tregua: domani scuole chiuse

Torna su
LatinaToday è in caricamento