Sermoneta punta sulle nuove generazioni, chiesti fondi per il progetto “Cultura Giovane”

L’Amministrazione comunale ha avanzato domanda alla Regione rispondendo ad un avviso pubblico per il finanziamento del progetto per i fondi sulle comunità giovanili

Sermoneta punta sulle nuove generazioni. L'Amministrazione comunale ha avanzato domanda alla Regione Lazio per il finanziamento del progetto “Cultura Giovane”, rispondendo ad un avviso pubblico per i fondi sulle comunità giovanili.

Il progetto, approvato con delibera di Giunta comunale del 26 giugno scorso, prevede l’avvio di un centro giovanile socio culturale con sede operativa a Sermoneta Scalo “al fine di organizzare attività per la comunità di giovani del territorio”, si legge nel progetto. L’obiettivo principale è quello di “attivare e gestire una comunità giovanile “con caratteristiche di permanenza e continuità operativa che possa garantire un servizio accessibile, legato alla formazione, all’informazione, alla promozione artistica, culturale e ricreativa, sportiva già attualmente in essere e l’avvio di nuove attività che possano ampliare l’offerta turistica di Sermoneta”.

Si vuole realizzare un luogo, spiega l’Amministrazione, “in cui sostenere ed incentivare la domanda di cultura ed in particolare di spettacolo dal vivo, attraverso la promozione di prodotti culturali innovativi dei giovani del territorio oltre che supportare e ampliare l’organizzazione degli eventi culturali già attivi da anni sul territorio per dare un nuovo impulso”.

Alla Regione sono stati chiesti 46 mila euro, pari all'80% del costo del progetto. Il restante 20% sarà a carico del Comune. “Le comunità giovanili rappresentano un punto di forza per una comunità – spiega l'assessore Mauro Battisti – e per questo puntare sulla loro costituzione significa dare modo alle nuove generazioni di potersi esprimere al meglio con le loro potenzialità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

Torna su
LatinaToday è in caricamento