Comune, prime crepe nella giunta Coletta: dimissioni dell’assessore Costanzo

Il sindaco: “Prendiamo atto del suo disagio spiace che abbia deciso di interrompere questo percorso. Ringraziamo Costanzo per il suo importante contributo certi che anche se da diversa posizione non farà mancare il suo supporto”

Scossone in Comune a Latina: si dimette Antonio Costanzo, assessore all’Organizzazione, Personale, Semplificazione, Servizi demografici, Sistema informatico, Antonio Costanzo. 

Una decisione, quella di Costanzo di farsi da parte e di uscire dalla squadra di Governo del sindaco Coletta a poco più di un anno dal suo insediamento, sui cui pesa tra le altre cose, anche il rapporto con il direttore generale del Comune di Latina. Non un singolo episodio o una proposta non condivisa, ha comunque spiegato Costanzo in una lettera al sindaco e agli altri assessori, ma più che altro una “linea di comportamento, una linea condotta in tutti questi mesi che contraddice impegni ed obiettivi che avevamo condiviso, con i quali ci siamo presentati alla città”. 

L’intervento del sindaco Coletta

Sulle dimissioni dell’assessore Costanzo è intervenuto nel pomeriggio di oggi il sindaco di Latina Damiano Coletta. 

“In relazione alle dimissioni dell’Assessore Costanzo, prendiamo atto del suo disagio, causato dalle difficoltà incontrate nel corso di questa esperienza e ci spiace che abbia deciso di interrompere questo percorso di cui è stato protagonista fin dalle prime fasi. 

Come in tutte le esperienze di squadra, i momenti di incomprensione e di difficoltà sono fisiologici, a maggior ragione in una realtà complessa come è quella della macchina amministrativa che stiamo gestendo. Tuttavia a queste difficoltà ognuno reagisce secondo la propria sensibilità: è vero che si può sbagliare in buona fede, ma a volte la non corrispondenza tra un progetto teorizzato, l’attualità delle norme e la presa di coscienza di una realtà “altra” rispetto alle ipotesi iniziali, unitamente alle emergenze riscontrate, può portare a ritardi che non inficiano né le priorità assegnate né il perseguimento dell’obiettivo prefissato.

Nel ringraziare il dottor Costanzo per il suo importante contributo, sia nella fase di gestazione del progetto sia nel ruolo di Assessore, vorremmo sottolineare che il nostro cammino prosegue deciso e consapevole, certi che anche se da diversa posizione Costanzo non farà mancare il suo supporto. Ci sono obiettivi importanti da raggiungere a breve e medio termine per i quali serve la disponibilità e lo sforzo di una squadra coesa quale siamo. I cittadini stanno cogliendo i nostri intenti e parimenti l’impegno che incessantemente stiamo perseguendo: l’esclusivo interesse della nostra comunità”. 

La lettera aperta del segretario di Lbc Pietro Gava

In attesa di capire i scenari futuri, il segretario di Latina Bene Comune, Pietro Gava, ha scritto una lettera aperta ad Antonio Costanzo.

"Carissimo Antonio,
sono certo del dispiacere e dell'amarezza che ti hanno portato a prendere questa dolorosa decisione.
Qualcuno scrive e afferma che Lbc e la giunta non effettuano scelte di governo, le tue dimissioni da assessore faranno capire anche ai più ostinati utilizzatori di queste argomentazioni che non è così. 
‘Legalità, trasparenza, partecipazione, cambiamento: il movimento, se rinunciasse a perseguire la concretizzazione di queste parole nella nostra città, anche attraverso l'azienda speciale, sarebbe finito’
Su queste basi vogliamo continuare a far rinascere Latina. 
Al di là del ruolo che hai stabilito di lasciare, LBC conta sul tuo contributo e sul tuo supporto
per cambiare Latina
”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Usura, estorsione e spaccio: otto arresti. In carcere anche Antonio Di Silvio

  • Usura e spaccio, Antonio Di Silvio intercettato: "Io non sono uno zingaro come gli altri"

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Dramma a Terracina: uomo si toglie la vita impiccandosi a un ponte

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • Ordinano condizionatori e pagano solo l'acconto: la merce era in un deposito in provincia di Latina

Torna su
LatinaToday è in caricamento