Elezioni 2016, verso il ballottaggio: gli impegni di Calandrini per il sociale

L'aspirante primo cittadino di centrodestra interviene sui temi del sociale e della solidarietà: "Dovremo andare al di là dell'intervento assistenziale episodico, legato all'emergenza. Sarà d'obbligo lavorare per una rete integrata di politiche sociali"

Impegno nel campo del sociale e solidarietà sono tra le priorità del candidato sindaco di centrodestra al ballottaggio, Nicola Calandrini che ha annunciato una serie di interventi ed iniziative che “vanno al di là del problema contingente” dei clochard che hanno trovato un riparo di fortuna davanti l’ingresso del mercato annonario in via Don Morosini. 

“Una comunità ha l’obbligo di farsi carico di chi ha più bisogno compiendo ogni azione possibile pur di aiutare chi vive situazioni di disagio o di difficoltà. Abbiamo sempre insistito sulla necessità di coinvolgere le associazioni sia nelle fasi decisionali che operative, anche perché sono le associazioni di volontariato che spesso sopperiscono alle carenze degli enti preposti, con generosità e abnegazione, senza chiedere niente in cambio. 

Ora però dobbiamo essere chiari su un punto: l’amministrazione non può restare a guardare. Per questo ho deciso che tra le prime cose da affrontare se sarò eletto sindaco ci sarà il potenziamento del settore dei Servizi Sociali del Comune, probabilmente sottodimensionato allo stato attuale, considerando l’emergenza economica e sociale che stiamo vivendo. 

Sarà inoltre fondamentale reperire le risorse, senza se e senza ma, per finanziare i progetti più validi pensati a favore dei minori, della terza età, della disabilità e di chi, più in generale, vive dei momenti di difficoltà”.

“Mi adopererò affinchè nel più breve tempo possibile siano aperte ulteriori strutture e che soprattutto siano attivate quelle ultimate per ospitare, supportare e consigliare" le persone in difficoltà, prosegue il candidato sindaco rivolgendosi alle famiglie che non riescono ad arrivare alla fine del mese, a quelle con più figli, alle madri single, alle donne vittime di violenza ed anche alla sempre più attuale situazione dei papà separati che hanno il diritto di vivere i propri figli con dignità e serenità.

“Dovremo andare al di là dell’intervento assistenziale episodico, legato all’emergenza del momento - conclude Calandrini. Sarà d’obbligo lavorare per una rete integrata di politiche sociali che contribuirà a restituire solidità e forza al nostro territorio, alla nostra comunità”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

  • Corruzione in carcere, il detenuto parla dell'ispettore: "Quando vuole mangiare fallo mangiare subito"

Torna su
LatinaToday è in caricamento