Exploit di Nicola Procaccini, il sindaco conquista un posto al Parlamento europeo

L'analisi del voto da parte del senatore di FdI Calandrini. Nella circoscrizione Centro Procaccini al secondo posto dopo la Meloni

Con 45.310 preferenze nella circoscrizione Centro Nicola Procaccini entra al Parlamento Europeo. Il candidato di Fratelli d'Italia, sindaco della città di Terracina, è il secondo più votato del partito, subito dopo Giorgia Meloni che nella circoscrizione conquista oltre 129mila voti. In provincia Procaccini supera invece i voti della Meloni conquistandone 13.191 contro i 9.267 della leader del partito.

"Nicola Procaccini è stato eletto in Parlamento Europeo e questo è motivo di immenso orgoglio per Fratelli d’Italia. Tornare a vedere il nostro territorio rappresentato in Europa da un esponente del nostro partito è una doppia soddisfazione"., E' il commento del senatore pontino di FdI Nicola Calandrini.  "Faccio i complimenti al gruppo provinciale che ha lavorato egregiamente per raggiungere questo risultato - aggiunge Calandrini - e a Nicola Procaccini che ha saputo farsi conoscere ed apprezzare dagli oltre 40mila elettori che lo hanno votato nella circoscrizione dell’Italia centrale. Con l’elezione di Nicola Procaccini si rafforza la filiera istituzionale di Fratelli d’Italia che ora può vantare un esponente al Parlamento Europeo, la mia presenza in Senato, e la rappresentanza di sindaci e amministratori locali sul territorio. Sono certo che saremo una squadra coesa, che renderà il partito ancora più competitivo e in grado di dare risposte alla gente grazie alla presenza istituzionale che siamo ora in grado di garantire a tutti i livelli, dal più piccolo ente locale fino a Strasburgo".

"Queste elezioni - spiega ancora il senatore pontino - impongono delle considerazioni di carattere politico. La crescita di Fratelli d’Italia è innegabile, a livello nazionale a livello locale. Sicuramente il risultato locale, con una percentuale doppia rispetto al valore nazionale, è dovuto alla presenza di un candidato del territorio e ai militanti che si sono impegnati a sostenerlo. Con questi numeri, FdI diventa catalizzatore di un’ipotesi di governo di centrodestra che non può prescindere dalla Lega. La Lega è il vincitore indiscusso delle elezioni, negarlo vorrebbe dire essere ciechi. Il mio auspicio è che questo risultato non porti il partito di Matteo Salvini a chiudersi, ma ad essere aperto a ragionamenti politici. Ho detto più volte in campagna elettorale che volevamo cambiare tutto. Sono convinto che un dialogo tra le forze del centrodestra, a partire da Lega e Fratelli d’Italia sia la base per cambiare l’Europa, l’Italia e la provincia pontina a partire proprio dal comune di Latina". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Daniele Nardi: a un anno dalla scomparsa la moglie racconta l'impresa sul Nanga Parbat

  • Incidente sulla Pontina: perde il controllo dell’auto, muore un uomo di 39 anni

  • Coronavirus, Comune di Sezze: “Due pullman in arrivo da Venezia. Situazione monitorata”

  • Pontina, colpito da un malore mentre è alla guida, muore un automobilista

  • Sette etti di cocaina e un revolver nascosti in casa: blitz e arresto della squadra mobile

  • Cosa fare a Carnevale? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento