Salvatore De Meo eletto al Parlamento europeo: “Premiato il lavoro di squadra”

Il sindaco di Fondi e candidato di Forza Italia tra gli eletti: “Fiero di questo bellissimo risultato. “Avrò la responsabilità di sostenere le ragioni e le esigenze di questo territorio e di tante altre realtà del Centro Italia”

Oltre a Nicola Procaccini e Matteo Adinolfi, anche Salvatore De Meo entra nel Parlamento europeo, e lo fa dalla porta principale: l’ufficialità, dopo ore febbrili di attesa, solo dopo che il Ministero dell’Interno ha proceduto all’attribuzione di due seggi alla lista di Forza Italia per la Circoscrizione III (Italia Centrale: Lazio, Umbria, Toscana e Marche), assegnati ai candidati più votati, Antonio Tajani (68.823 preferenze) e appunto De Meo (22.801 preferenze). Il sindaco di Fondi, secondo dunque tra i più votati nella circoscrizione dell'Italia centrale, è stato anche il più votato di FI nella provicnia pontina dova ha raccolto 16.470 preferenze. 

“Sono fiero di questo bellissimo risultato - dichiara De Meo - che premia il lavoro intenso e meticoloso di chi mi ha sostenuto per settimane con entusiasmo e generosità e voglio dunque ringraziare di cuore tutti coloro che vi hanno contribuito, in primis gli elettori. La mia elezione è il frutto di un appassionato lavoro di squadra da parte di una classe dirigente che da oltre due decenni è profondamente radicata nei territori e si impegna quotidianamente, a qualsiasi livello istituzionale, a recepire le istanze dei cittadini. La politica lontana dalla società è una politica contro i territori, mentre in provincia di Latina Forza Italia ha sempre dimostrato di essere vicina alle persone puntando al coinvolgimento, alla partecipazione e alla condivisione”. 

“Il mandato che mi è stato conferito da migliaia di elettori rappresenta la responsabilità di sostenere le ragioni e le esigenze di questo territorio e di tante altre realtà del Centro Italia che, come quella pontina, da troppo tempo attendono di essere rimesse al centro dell’attenzione e dell’azione politica. Il mio impegno sarà volto in modo particolare a mettere a disposizione delle amministrazioni locali e delle imprese gli strumenti per sfruttare al meglio il proprio potenziale e creare sviluppo e benessere. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La mia candidatura nasce infatti dal ruolo di sindaco e di rappresentante degli enti locali sia in Anci che nel Comitato Europeo delle Regioni, una prospettiva che io definisco ‘privilegiata’ perché in questi anni mi ha dato la possibilità di comprendere meglio le priorità che le istituzioni, di ogni livello, devono affrontare e risolvere in ambito territoriale. La politica deve saper garantire sostenibilità e benessere, misure capaci di rilanciare l’economia e assicurare condizioni migliori, soprattutto per i giovani e per chi vuole fare impresa. Auspico inoltre di poter attuare sinergie operative a beneficio delle nostre comunità con gli altri eletti di questa provincia, e rivolgo dunque a tutti noi i migliori auguri di buon lavoro”.

Tre pontini al Parlamento europeo 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Fase 2, arriva l'ordinanza per le spiagge: si apre il 29 maggio. Ecco le regole

  • Chiede la mascherina al datore di lavoro: licenziato, picchiato e poi gettato in un canale

  • Coronavirus Priverno, cluster al centro dialisi: 14 i positivi. La Asl fa il punto della situazione

  • Coronavirus: un morto in provincia, sette nel Lazio e 18 positivi in più

  • Coronavirus, tre nuovi casi in provincia: tutti relativi al cluster di Priverno

  • Fase 2, la nuova ordinanza nel Lazio: dal 25 maggio riaprono le palestre, dal 29 gli stabilimenti

Torna su
LatinaToday è in caricamento