Elezioni politiche 2013, quando un voto è valido e quando non lo è

Di seguito una serie di piccoli indicazioni che possono tornarvi utili quando sarete nell'urna a votare per il rinnovo di Camera e Senato per evitare di annullare la scheda

Siamo ormai vicini alle elezioni politiche del 24 e 25 febbraio in cui i cittadini saranno chiamati al voto per rinnovare il Parlamento.

Ma come si vota? O meglio quando un voto viene considerato “non valido”?

Ecco alcune istruzioni sia per il voto sulla scheda rosa della Camera che su quella gialla del Senato:

- non barrare un simbolo facendo uscire il tratto di matita molto oltre lo spazio preposto, senza "invadere" cioè gli altri simboli o altri rettangoli;
- tracciare sempre una X per barrare e non una V o qualunque altro segno;
- non scrivere a mano il cognome di un candidato ma barrare solo un segno sul contrassegno sul simbolo della lista scelta;
- non barrare più di un simbolo.

Se vi rendete conto di aver sbagliato prima di 'imbucare' la scheda potete chiedere al presidente di seggio una nuova scheda. In quel caso, assicuratevi che la scheda sbagliata venga annullata e riposta in un contenitore a parte.

ELEZIONI POLITICHE 2013 - QUNADO E COME SI VOTA

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Novembre 1985: l'atroce delitto di Rossella Angelico. Latina la ricorda intitolandole una rotonda

  • Maltempo, tragedia sfiorata: cade un albero su un'auto in transito

  • Operazione Astice secondo atto: nuovi arresti a Latina

  • Maltempo a Gaeta, “La Signora del Vento” danneggiata dalla forte mareggiata

  • Meteo a Latina: peggiorano le previsioni, l’allerta da gialla passa ad arancione

  • Scomparso da tre giorni: ricerche a tappeto con l'elicottero dei vigili

Torna su
LatinaToday è in caricamento