Elezioni regionali 2018, Elisabetta Canitano a Latina: "Sanità pubblica è la priorità"

La candidata alla presidenza della Regione Lazio è arrivata in provincia ieri per il suo tour elettorale che ha toccato l'ospedale di Latina, il punto di primo intervento a Cori e poi la città di Cisterna

Presentazione ufficiale ieri dei candidati della lista Potere al Popolo per le prossime elezioni regionali e per le politiche del 4 marzo. Elisabetta Canitano, candidata alla presidenza della Regione Lazio, accanto ai candidati dei collegi della provincia pontina, è arrivata a Latina ieri per presentare agli elettori il suo programma. Priorità alla sanità pubblica, per il ripristino del diritto universale alle cure e per l’abolizione del ticket, un tema caro alla candidata, ginecologa presso la Asl Roma D e socia fondatrice dell’associazione Differenza Donna che si occupa di violenza di genere.

Elisabetta Canitano alle 8,30 ha visitato il punto di Primo intervento di Cori e a seguire l’ospedale Santa Maria Goretti e  il mercato settimanale di Latina. Ale 16 ha poi raggiunto il Palazzo comunale di Cisterna per l’incontro  “Disuguaglianze nell’assistenza sanitaria nel Lazio: i casi pontini di Cori e Latina. Alcune proposte per rimuoverle”. E infine alle 18 ha presentato i candidati di Potere al Popolo per Camera e Senato e per le regionali.

La premessa è che la “sanità della provincia pontina è la più privatizzata del Lazio, che è la regione più privatizzata d’Italia”. Con “posti letto che in provincia di Latina sono per il 50% in strutture private, contro il 40% a livello regionale e il 26% a livello nazionale". Ospedali pontini dimezzati, assistenza sanitaria territoriale depotenziata.

Un’attenzione particolare alla cura delle donne e alla tutela del diritto all’aborto: “Io non mi sono mai battuta tanto contro l’obiezione di coscienza – ha detto la Canitano - ma mi sono battuta perché lo Stato garantisse l’applicazione della legge. Ma è successo il contrario. Gli obiettori di coscienza hanno militarmente occupato le notre maternità e ci hanno indotto a pensare che in fondo il problema dell’aborto fosse un problema di scelta. Vi vorrei ricordare che Valentina Milluzzo a Catania è morta perché nessuno ha voluto procurarle un aborto. Noi non intendiamo fare compromessi, intendiamo denunciare tutto. Sia chiaro ai medici che devono assistere le donne e non rispettare la religione”.

“Siamo stati ceduti in blocco alla sanità privata – ha spiegato - Chi ha accettato di appoggiare Zingaretti tace, non può più denunciare niente in questa Regione. Noi vogliamo conservare invece la possibilità di denunciare. E vogliamo che nelle corsie delle nostre maternità sentano il nostro fiato sul collo. Lo faremo per ogni singola donna, per ogni lavoratore e per ogni sfrattato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Sui diritti civili occorre non accontentarsi – ha concluso – Noi faremo opposizione. Il Partito comunista italiano all’opposizione ha cambiato questo Paese. Stare all’opposizione significa vedere cosa asuccede e denunciare”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due nuovi casi in provincia: positivi a Latina ed Aprilia

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Coronavirus, 14 casi nel Lazio. Regione: “A Terracina positivo un uomo del Bangladesh”

  • Incidente nella notte sull'Appia, un morto e due feriti gravissimi

  • Coronavirus Latina: i contagi crescono ancora, tre nuovi casi in provincia

  • Coronavirus: nel Lazio 920 casi, 19 in più rispetto a ieri e 709 persone in isolamento domiciliare

Torna su
LatinaToday è in caricamento