Erba alta, Lbc: “Al via la sperimentazione in città con diserbante naturale”

Bellini: “Al diserbo meccanico viene aggiunto l’uso dell’acido pelargonico per il controllo naturale delle erbe infestanti”

“È partita da alcuni giorni la sperimentazione del diserbo in città con l’acido pelargonico, una sostanza naturale usata anche nei giardini Vaticani e biodegradabile al 100%”: l’annuncio da parte del gruppo di Latina Bene Comune

La novità era stata annunciata nei mesi scorsi durante una seduta della commissione Ambiente alla quale aveva preso parte l’agronomo responsabile della cura delle piante nei giardini del Vaticano, Annibale Gozzi.

“Si tratta di una sostanza molto diversa dai soliti veleni – spiega Dario Bellini, presidente della commissione Ambiente -. È infatti un prodotto di origine vegetale, un derivato del cardo. Latina ha messo al bando da tempo dal 2016 l’utilizzo del glifosato, che un tempo anche in città si usava massicciamente: lo abbiamo fatto per tutelare la salute delle persone, l’Organizzazione Mondiale della Sanità lo ritiene infatti cancerogeno. Il glifosato è stato sostituito dal diserbo meccanico, al quale viene aggiunto l’uso dell’acido pelargonico per il controllo naturale delle erbe infestanti”.

In sede di commissione Ambiente, il voto era stato unanime. “Terminata la formazione professionale degli operatori Abc per l’utilizzo di questa nuova sostanza - conclude il gruppo di Lbc -, ecco che parte la sperimentazione della durata di un anno. In base a quanto riferito dall’esperto, con circa tre trattamenti l'anno l'operazione dovrebbe mantenere la sua efficacia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente ad Aprilia, sono moglie e marito le due vittime travolte da un'auto in via La Cogna

  • Inseguimento e spari in strada: polizia esplode colpi contro l’auto dei rapinatori in fuga

  • Desirée, parla la mamma a Porta a Porta: "Con le cure obbligatorie sarebbe viva"

  • Non paga il pedaggio in autostrada, smascherato: danni per 10mila euro

  • "Madame furto" questa volta non si salva dal carcere: dai domiciliari finisce in cella

  • Trovato con cocaina e hascisc ammette tutto: "Dovevo pagare debiti di droga"

Torna su
LatinaToday è in caricamento