Elezioni amministrative, Cisterna: Mauro Carturan proclamato ufficialmente sindaco

La cerimonia questo pomeriggio nella sala delle statue del Palazzo comunale. Carturan è primo cittadino per la terza volta. Il saluto alla città del commissario Minolfi

Alle 14,30  di oggi l’ufficio centrale elettorale, presieduto dal giudice Laura Matilde Campoli, ha proclamato eletto alla carica di sindaco del Comune di Cisterna Mauro Carturan. Dopo l’accertamento del totale dei voti validi, in tutto 18.803, e constatato che la maggioranza assoluta di questi è 9.402, il presidente dell’ufficio ha proclamato sindaco Carturan avendo riportato, al termine della consultazione elettorale dello scorso 10 giugno, 9.405 voti validi.

La proclamazione di rito si è svolta nella Sala delle Statue all’interno del Palazzo comunale alla presenza anche del commissario straordinario Monica Ferrara Minolfi e del sub commissario Domenico Talani, che hanno guidato l'amministrazione dopo le dimissione dell'ex sindaco Eleonora Della Penna. Carturan ha salutato il commissario facendole omaggio di un bouquet di fiori, mentre la lettura del verbale di dichiarazione di proclamazione si è conclusa con un applauso da parte del pubblico presente. Carturan ha ringraziato tutti coloro che lo hanno sostenuto e ha annunciato che ha già effettuato un sopralluogo all’interno del cimitero comunale e che da oggi incontrerà i rappresentanti delle forze dell’ordine perché il decoro del luogo dove riposano i defunti e la sicurezza della città sono le sue priorità. Ha rivolto poi un invito alle forze consiliari di opposizione affinché siano costruttivi e possano far parte di un’ampia coalizione solidale con la città. Ha annunciato, infine, per domani un incontro a Palazzo Caetani con i dipendenti comunali e venerdì con i dirigenti.

Il saluto del commissario Monica Ferrara Minolfi

Ha voluto poi rivolgere un saluto alla città il commissario Minolfi: "Al termine di questo mandato commissariale, seppur breve, sono tanti gli aspetti positivi di questa esperienza - scrive in una nota - Nonostante sia giunta in un momento difficile della vita cittadina, ho trovato da subito grande cordialità e disponibilità alla collaborazione. In questi sei mesi ho avuto modo di incontrare molte persone, sia all’interno della struttura comunale che fuori, attraversare le vie e piazze della città, affrontare questioni certamente non di facile soluzione e, purtroppo, essere testimone come voi di un dramma fortissimo, che tuttora mi provoca grande sofferenza e dolore. Ciò che mi ha colpito è una sorta di tenace e sincero attaccamento al territorio, di uno spirito di comunità che ho sentito ancora vivo e palpitante, un orgoglio di appartenenza che, al di là dei tempi certamente difficili e di una a volte giustificata sfiducia, i cisternesi conservano e custodiscono. Credo che proprio da lì debba ripartire lo sviluppo e rilancio futuro di questa città. Un futuro che non solo auspico ma che vedo possibile per le doti personali degli abitanti e per le tante bellezze offerte dal territorio. Mi congedo dal Comune, dunque, con un pizzico di emozione e vivo il distacco da questa esperienza anche con la malinconia di chi si accomiata. Non posso esimermi dal dover ringraziare la struttura comunale, che per me è stata valido aiuto e supporto, il sub commissario Domenico Talani e la cittadinanza tutta, della quale ho percepito la sincera e benevola vicinanza durante questa esperienza. Rivolgo infine a Cisterna il sincero augurio di trovare, oltre ogni cosa, quella serenità di cui forse ultimamente ne ha sofferto la mancanza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Preso con due etti di cocaina dopo un inseguimento, in lacrime davanti al giudice

  • Violenta lite all’autolavaggio, tre arresti per tentato omicidio. Pestato un 48enne

  • Furti di auto col trucco dello "spinotto": confessa uno dei ladri della banda

  • Cinque chili di droga nascosta nell’armadio, impossibile dimostrare che era sua: assolto

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Lo Zecchino d’Oro “canta” anche pontino: terzo posto per un bambino di Sabaudia

Torna su
LatinaToday è in caricamento