Provincia, a marzo il rinnovo del Consiglio. Simeone (FI): "Rottamare la riforma Delrio"

L'intervento del consigliere regionale di Forza Italia per ridare ruoli e funzioni all'ente

Si vota il prossimo 31 marzo per il rinnovo del Consiglio provinciale di Latina. Sull'elezione interviene il consigliere regionale di Forza Italia Giuseppe Simeone, che ripropone il tema della riforma delle Province. “Occorre superare la riforma Delrio, realizzata ancor prima della riforma della Costituzione e poi bocciata dagli elettori - sottolinea Simeone - una riforma che non ha funzionato generando caos amministrativo, blocco di servizi essenziali, buchi nei bilanci e tutta una serie di disfunzioni ingestibili. Vedo con favore l’iniziativa legislativa del mio partito, Forza Italia, che punta al ritorno alla elezione popolare diretta per ridare ai cittadini il diritto di eleggere i propri rappresentanti nelle Province. Enti che dovranno essere di raccordo tra l’attività dei Comuni e delle Regioni, con funzioni e poteri specifici. Le Province devono riacquistare la loro autorevolezza politica e rappresentativa ponendosi al servizio dei cittadini".

"C’è la ferma convinzione che la legge Delrio - prosegue Simeone - presenti forti limiti e difficoltà operative: non solo le Province non sono state eliminate, ma sono state rese completamente inattive. Occorre dotarle di adeguate disponibilità finanziarie, riorganizzarne le funzioni e renderle enti in grado di interloquire attivamente con i diversi livelli di governo. In particolare, si intende dotarle di quel ruolo d’interazione nella definizione delle politiche regionali. Le Province oggi si trovano ad affrontare un problema di natura strutturale che sta negli effetti devastanti della legge Delrio che li ha ridotti ad enti di II livello non rappresentativi della volontà dei cittadini. Ed uno di natura contingente, conseguenza della prima, che consiste nella mancanza di risorse anche per svolgere le poche funzioni che gli sono rimaste quali la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade, delle scuole superiori, la pianificazione territoriale e la tutela ambientale. Sono per 'rottamare' la legge Delrio e ridare alle Province il rango, il ruolo e le funzioni, che meritano ed ai cittadini la possibilità di scegliere, liberamente e democraticamente, da chi essere rappresentati. Dobbiamo lavorare affinchè alla Provincia siano destinate risorse e personale adeguati alle funzioni che deve svolgere a tutela della sicurezza e dell’incolumità dei nostri cittadini”. Il consigliere regionale di FI evidenzia in particolare le contraddizioni del Pd, fautore della legge Delrio e oggi invece prossimo al ‘pentimento’ dopo alcuni anni. “Prendo atto del cambio di linea del Pd –dichiara Simeone- le recenti prese di posizione di esponenti nazionali e locali inducono a ritenere che solo ora i dem si siano accorti della necessità di ridare al popolo gli strumenti per incidere direttamente sulle scelte dell’ente provinciale. Proprio quel Pd che le Province voleva abolirle. Una ‘conversione’ sulla via di Damasco, a dir poco repentina. Comunque a loro dico meglio tardi che mai”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Furti sulle auto in sosta: sgominata la banda della “gomma bucata”. Ha agito anche a Latina

  • Cronaca

    Vandali ancora in azione a Latina Scalo: dopo la biblioteca è la volta dell'asilo nido

  • Cronaca

    Ubriaco minaccia il conducente del tram a Firenze: denunciato 47enne pontino

  • Attualità

    Latina celebra la Liberazione, appuntamento il 25 aprile al Parco Falcone Borsellino

I più letti della settimana

  • Mancati riposi obbligatori, multa salata per un autotrasportatore: 11mila euro

  • Autobus fermato dalla polizia a Caserta, salta la gita a Ninfa e Sermoneta

  • Muore all'improvviso mentre taglia l'erba: forse uno shock anafilattico

  • Il 70° Stormo nel reparto Pediatria del Goretti, in regalo uova ai piccoli pazienti

  • Aprilia, sposato due volte: 53enne processato per bigamia

  • Omicidio del boss Marino a Terracina, due case affittate in nero dai killer

Torna su
LatinaToday è in caricamento