Rifiuti, ordinanza della Provincia: “Rida riprenda il normale esercizio dell’impianto"

Il presidente della Penna ha firmato questa mattina il provvedimento dopo la decisione della società di bloccare il conferimento dei rifiuti nel sito di Aprilia: "Rischi ambientali e sanitari sul territorio"

Il presidente della Provincia Della Penna

E’ arrivata anche l’ordinanza della Provincia di Latina con cui si ordina a Rida di riprendere la normale attività dell’impianto di Aprilia per il conferimento dei rifiuti. 

Dopo la diffida da parte della Regione, è intervenuto anche l’Ente di via Costa per scongiurare quella che potrebbe presto palesarsi come una vera e propria emergenza.  

Nell'atto firmato questa mattina dal presidente della Provincia, Eleonora Della Penna (foto in basso), si ordina appunto alla Rida Ambiente “di riprendere il normale esercizio dell’impianto” di Aprilia, “al fine di superare l'interruzione della ricezione del codice Cer 200301 conferito dai Comuni, imposta da codesta società che causa rischi ambientali e sanitari sul territorio”. 

Questa matina sul caso esploso ieri, dopo la decisione della società di bloccare il conferimento dei rifiuti nel sito di Aprilia in seguito ad alcune contestazioni arrivate dal governo regionale, il patron di Rida Altissimi ha diffuso una nuova nota in cui spiega le motivazioni per cui la società “è impossibilitata a riattivare gli impianti”, puntando il dito proprio contro la Regione Lazio. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Sezze, prostituzione minorile: 50enne fa sesso con una ragazzina pagando la madre

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

  • Lavori sulle condotta idrica, Latina senza acqua giovedì 12 settembre

  • Garage a fuoco in via Geminiani: evacuato un palazzo. Intossicati alcuni residenti

Torna su
LatinaToday è in caricamento