Province, stop al riordino: niente accorpamento tra Latina e Frosinone

Il decreto sul riordino non sarà convertito in legge. La decisione della Commissione Affari Costituzionali del Senato: pesano gli eccessivi emendamenti e la crisi di governo che ha stretto i tempi

I cittadini della provincia di Latina possono stare tranquilli: niente più riordino delle province e quindi niente più accorpamento con Frosinone.

Nell’ultima puntata del tanto discusso decreto legge, che di fatto andava a stravolgere la geografia delle amministrazioni locali, pare si sia arrivati ad un punto di svolta.

Alla fine l'eccesso di emendamenti (molti dei quali presentati dal senatore pontino Fazzone) e i tempi stretti imposti dalla crisi di governo hanno affossato il riordino delle Province: il decreto, infatti, non sarà convertito in legge.

Questo è quanto emerso dalla riunione della Commissione Affari Costituzionali del Senato iniziata ieri sera alle 20.30 e a cui hanno partecipato anche il ministro per la P.A. Filippo Patroni Griffi e il suo collega per i Rapporti col Parlamento Piero Giarda. Intanto oggi, ha spiegato il presidente della Commissione Carlo Vizzini, si terrà a Palazzo Madama una riunione dei capigruppo per studiare il da farsi, anche se, a quanto è parso di capire, le speranze di far cambiare rotta al dl sembrano pochissime.

Alla fine sulla mancata conversione del decreto hanno quindi pesato gli oltre 140 subemendamenti (a fronte dei 5-6 maxiemendamenti messi insieme dai relatori Bianco e Saltamartini), arrivati ieri alle 13 in Commissione, la cui discussione avrebbe procrastinato oltre misura i tempi per una possibile approvazione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per ora sembra quindi scongiurato l’accorpamento tra Latina e Frosinone che ferma opposizione aveva trovato all’interno di tutte e due le province, con il presidente della Provincia di Latina, Armando Cusani, capofila della battaglia contro il decreto, ma anche con i gesti estremi del sindaco di Frosinone che durante la manifestazione della scorsa settimana a Roma aveva bevuto qualche goccia di olio di ricino.

L’INTERVENTO: CUSANI ATTACCA IL GOVERNO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente nella notte sull'Appia, un morto e due feriti gravissimi

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Coronavirus, 14 casi nel Lazio. Regione: “A Terracina positivo un uomo del Bangladesh”

  • Coronavirus: nel Lazio 920 casi, 19 in più rispetto a ieri e 709 persone in isolamento domiciliare

  • Coronavirus, quattro nuovi casi positivi a Formia. L'annuncio del sindaco

  • Coronavirus Latina: i contagi crescono ancora, tre nuovi casi in provincia

Torna su
LatinaToday è in caricamento