Roma-Latina, mozione di Forza Italia in Consiglio regionale per impegnare la Giunta Zingaretti

Il consigliere Giuseppe Simeone chiede chiarimenti su modalità e tempi di realizzazione

"Il tempo delle chiacchere è scaduto. Sulla Roma-Latina ormai siamo al prendere o lasciare. Attraverso la mozione presentata da Forza Italia, con il sottoscritto primo firmatario, l’amministrazione Zingaretti dovrà finalmente pronunciarsi senza equivoci. Abbiamo chiesto alla Regione di impegnarsi a porre in essere, senza ulteriore indugio, ogni misura ed azione necessaria volta alla realizzazione dell’autostrada che ha l’assoluta priorità e della bretella Cisterna-Valmontone, complementare alla prima". Il consigliere regionale di Forza Italia Giuseppe Simeone interviene ancora sul caso della Roma-Latina e annuncia la presentazione di una mozione, in Consiglio, che possa impegnare il governo regionale. Si chiedono inoltre chiarimenti su modalità e tempi.

"Ritengo importante che nel question time previsto in Consiglio - continua il consigliere pontino - la giunta regionale esponga la sua linea in merito alla tempistica e alla modalità con cui intende procedere per la realizzazione dell’intero progetto. Prendiamo atto dei nuovi ostacoli rappresentati dall’ennesimo ricorso al capo dello Stato, ma non possiamo permetterci ulteriori stop. I cantieri devono partire entro la scadenza del vincolo preordinato all’esproprio, altrimenti ogni sforzo rischia di essere vanificato. La reiterazione del vincolo avvenuta con delibera del Cipe del 25 ottobre 2018, è strumento di fondamentale importanza per la realizzazione dell’infrastruttura. Ci saremmo inoltre aspettati novità importanti dal tavolo tecnico Regione-Ministero annunciato lo scorso 14 maggio. Prendiamo atto che a distanza di quasi 2 mesi dall’insediamento nulla sembra trapelare sulle modalità scelte per arrivare all’apertura dei cantieri.
L’imperativo, per chi come noi rappresenta le istituzioni, era e resta quello di dotare il Lazio di collegamenti infrastrutturali funzionali di cui il corridoio intermodale Roma – Latina e la Cisterna Valmontone rappresentano il fulcro perché sono gli unici capaci di traghettare le imprese ed i cittadini oltre i confini di un isolamento forzato che sta inaridendo il tessuto produttivo locale, penalizzando le aziende, mettendo a rischio la sicurezza dei cittadini. Il ritardo accumulato tra corsi e ricorsi, polemiche a volte strumentali, si è tradotto in una ferita aperta nel tessuto imprenditoriale di un territorio tagliato fuori con il resto del Paese e con l’Europa. La Pontina inoltre non è più una strada adeguata a sostenere il carico di traffico a cui è sottoposta soprattutto sotto il profilo della sicurezza. Occorre dunque agire in fretta. Urgono risposte e senza ulteriori rinvii”.

Potrebbe interessarti

  • Torna in mare “Brilla&Billy”, la barca di Lucio Dalla ormeggiata nel porto di Formia

  • Notte Bianca a Latina: tutti i divieti per sabato 20 luglio. Come cambia la viabilità

  • Sabaudia, per l'estate tour gratuito in battello sul lago di Paola

  • Achille Lauro e la Notte della Luna: il centro di Latina fa festa

I più letti della settimana

  • Tragedia nel mare di Latina: sub di 19 anni muore durante un’immersione

  • Sezze: cane chiuso in un sacchetto della spazzatura e gettato tra i rifiuti, ma si attende l'adozione per Vita

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Incidente sull’Appia: tre auto coinvolte. Un ferito grave, atterra l’eliambulanza

  • Torna in mare “Brilla&Billy”, la barca di Lucio Dalla ormeggiata nel porto di Formia

  • Processo Alba Pontina, le vittime del clan Di Silvio raccontano in aula tutte le minacce

Torna su
LatinaToday è in caricamento