Bufera in Comune a Terracina, sfiduciato il sindaco Procaccini

Sono tredici i consiglieri, tra cui anche alcuni della maggioranza che si aggiungono a quelli di opposizione, che questa mattina hanno rassegnato le loro dimissioni

Il sindaco di Terracina Procaccini

La crisi politica investe anche il Comune di Terracina: il sindaco Nicola Procaccini (Fratelli d’Italia) è stato sfiduciato.

Questa mattina 13 consiglieri hanno rassegnato le loro dimissioni; a quelli di opposizione guidati da di Forza Italia e Pd, infatti si sono aggiunti anche tre consiglieri di maggioranza.

Le dimissioni sono state depositate presso l’ufficio di un notaio questa mattina, anche se la crisi era nell’aria ormai da qualche giorno. Ora quella del commissariamento è la strada che si prospetta nell’immediato futuro per il Comune di Terracina sino alla primavera del 2016 quando i cittadini saranno chiamati di nuovo a votare.

Colpire la città di Terracina per cancellare il suo voto dal rinnovo delle cariche societarie in Acqualatina, previsto per il 14 maggio (ed escludendola anche dal Consiglio Provinciale), è infatti una motivazione raccapricciante” aveva dichiarato ieri con una nota Procaccini in riferimento all’azione di “Forza Italia ed in particolare i suoi vertici di far cadere l'amministrazione comunale terracinese".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Concorso per lavorare in Senato: come candidarsi

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Ritrovato alla stazione Termini Valerio Federici, era scomparso da Aprilia il 15 ottobre

  • Aprilia, scomparso da casa Valerio Federici: l'appello per ritrovarlo

  • Cosa fare nel weekend? Ecco gli eventi a Latina e Provincia

  • Maxi frode con auto di lusso, l'operazione tocca Latina: un arresto a Terracina

Torna su
LatinaToday è in caricamento