Coletta e Pascucci contro i tagli del Governo alla scuola: "Graveranno sugli enti locali"

I due primi cittadini, rispettivamente vicepresidente e segretario nazionale di Italia in Comune, intervengono sul caso dei 4 miliardi di tagli alla scuola

"Nonostante alcune smentite, i quattro miliardi di euro di tagli alla scuola pubblica necessari per compensare le scellerate operazioni di marketing elettorale di questo governo, ci sono e lo dimostrano le tabelle presentate dallo stesso esecutivo". Ad affermarlo in una nota sno Alessio Pascucci e il sindaco di Latina Damiano Coletta, rispettivamente segretario nazionale e vice presidente di Italia in Comune. 

"Si tratta dell'ennesimo provvedimento spot che rischia di mettere in difficoltà i sindaci che si troveranno a dover di nuovo compensare le ipocrite e vigliacche politiche scolastiche dell’attuale Governo che taglia i fondi alla scuola colpendo proprio i ragazzi più in difficoltà", osservano i due primi cittadini di Italia in Comune. "Dei quattro miliardi di tagli, ben 500 milioni di euro riguardano il personale adibito ad assistere i bimbi con particolari disagi. Per far quadrare i conti si è deciso di farla pagare ai più deboli", concludono Pascucci e Coletta.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spaccio di droga e corruzione: 34 arresti a Latina. Coinvolti due agenti della polizia penitenziaria

  • Droga e corruzione in carcere, i nomi dei 34 arrestati dell'operazione "Astice"

  • Astice e cocaina in carcere: in cambio di favori soldi e droga agli agenti corrotti

  • La buona sanità a Formia, bimbo cade e si rompe la milza: il chirurgo torna in ospedale e lo salva

  • Latina, giallo in via Sabaudia: trovato il cadavere di un uomo in auto

  • Corruzione in carcere, il detenuto parla dell'ispettore: "Quando vuole mangiare fallo mangiare subito"

Torna su
LatinaToday è in caricamento