Mal di pancia? Come combattere i malesseri da primo giorno di scuola

L'inizio di un nuovo anno scolastico può provocare ansia e agitazione nei bambini e nei ragazzi, ma bastano pochi giorni per riadattarsi

Primo giorno di scuola e mal di pancia

Insieme al primo giorno di scuola arriva anche lui, il mal di pancia. E' molto frequente nei bambini e nei ragazzi - soprattutto quelli che iniziano nuovi cicli - avvertire dolori alla vigilia di un nuovo anno scolastico. Niente paura, nella maggior parte dei casi si tratta di normalissima agitazione e basta qualche giorno per riadattarsi alla normalità, un po' di più per ambientarsi in un nuovo percorso intrapreso, ma comunque niente allarmismi. Se poi questi disturbi non si risolvono è bene segnalarli al pediatra.

Ritrovare gli amici

Questa è la prima cura per il mal di pancia. Il bambino deve solo riabituarsi alla routine - dimenticata in estate - e insieme ai compagni di scuola è certamente più semplice. E' bene favorire gli incontri anche al di fuori dell'orario scolastico, per stimolare il ritorno alla quotidianità scolastica e favorire i rapporti interpersonali, fondamentali per i giovanissimi.

Comunicare

E' fondamentale parlare con il bambino, sia prima il rientro a scuola che nei primi giorni, farsi spiegare cosa lo preoccupa e tranquillizzarlo, anche accontentandolo se avanza delle richieste, basta che queste non entrino in conflitto con il rendimento scolastico o la frequenza. Flessibilità e morbidezza all'inizio possono fare la differenza.

Alimentazione e sonno

Oltre al mal di pancia potrebbe presentarsi anche la mancanza di appetito, che ovviamente va fronteggiata, magari preparando al bambino i suoi piatti preferiti (ma senza sgarrare troppo). Una corretta alimentazione è fondamentale, così come il sonno, che sempre in questi giorni delicati potrebbe essere disturbato. In questo nessuna flessibilità: 8 ore di sonno sono indispensabili.

Compiti per le vacanze, che guastafeste: come farli in poco tempo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Certificato pazzo" in cambio di soldi: un medico della Asl al centro del "sistema"

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: “Ho deciso di collaborare per non essere ammazzato"

  • "Certificato pazzo", primi interrogatori: un'arrestata ascoltata in ospedale

  • Morto dopo un inseguimento notturno di una ronda, processo davanti alla Corte di Assise per omicidio

  • Processo Alba Pontina, Pugliese racconta: minacce anche per controllare il prezzo del pesce al mercato

  • Banda dei furti seriali, in udienza la difesa contesta l'associazione a delinquere

Torna su
LatinaToday è in caricamento