Basket, Benacquista in cerca di continuità: al PalaBianchini arriva la Lighthouse Trapani

I nerazzurri sono reduci dalle tre vittorie in altrettanti derby. Il playmaker DeShields: “Giochiamo in casa nostra e ci teniamo davvero tanto a fare bella figura davanti al pubblico di Latina e a dimostrare che possiamo continuare a vincere”

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di LatinaToday

Latina riceve la temibile Trapani sul parquet del PalaBianchini – Nella nona giornata del campionato di Serie A2 Citroën, Girone Ovest, i nerazzurri della Benacquista Assicurazioni Latina Basket, domenica 27 novembre alle ore 18:00 affronteranno sul parquet del PalaBianchini la formazione siciliana della Lighthouse Trapani.

La compagine sicula, dell’ex capitano nerazzurro Riccardo Tavernelli, è attualmente a quota 8 punti in classifica, esattamente come i pontini. Trapani è reduce dal successo casalingo conquistato superando la Givova Scafati (87-83). Precedentemente la Lighthouse aveva sorriso sempre al PalaIlio contro due formazioni laziali, la Npc Rieti all’esordio  e la Fmc Ferentino alla quinta giornata, mentre gli unici punti in trasferta li ha guadagnati al PalaFerraris superando Casale Monferrato in occasione del terzo turno di gare.

Sul fronte della Latina Basket c’è grande desiderio di dare continuità alle buonissime prestazioni mostrate in occasione delle ultime gare disputate. Dopo un avvio di campionato molto difficile, quattro partite in trasferta e due in casa, i ragazzi di coach Franco Gramenzi sono reduci, ora, da un tris di vittorie messe in cascina in occasione dei tre derby consecutivi giocati in trasferta sul campo della Virtus Roma (83-87), tra le mura amiche del palazzetto di via dei Mille con l’Eurobasket Roma (81-73) e ancora in esterna facendo visita domenica scorsa alla Fmc Ferentino (75-79). Con Trapani si preannuncia una sfida avvincente, che manderà in scena un grande spettacolo di pallacanestro.

DeShields: "Stiamo vivendo un buon momento, ma vogliamo vincere ancora" – Alla vigilia di un’altra difficile partita, il numero 15 DeShields mette in evidenza la consapevolezza del periodo positivo che Latina sta attraversando, ma non nasconde il grande e ulteriore desiderio di miglioramento necessario per far si che la squadra diventi davvero vincente: "Stiamo vivendo un buon momento, siamo contenti, ma certo non ancora totalmente soddisfatti. In questo momento siamo esattamente nel mezzo, non ci siamo montati la testa per questi tre successi, come non ci siamo demoralizzati in occasione delle sconfitte. Dobbiamo continuare a lavorare duramente, a giocare in modo intelligente e con Trapani sarà indubbiamente una partita importante. Entrambe le squadre hanno conquistato quattro vittorie e subito 4 sconfitte, quindi dobbiamo puntare a vincere perché si tratta di uno spareggio. Riuscire a guadagnare i due punti in palio, vorrebbe dire salire al quinto posto in classifica e soprattutto regalare un nuovo sorriso ai nostri tifosi. Giochiamo in casa nostra e ci teniamo davvero tanto a fare bella figura davanti al pubblico di Latina e a dimostrare che possiamo continuare a vincere sollevando ulteriormente il morale di tutti gli appassionati del basket nerazzurro".

Il giovane playmaker statunitense si è integrato benissimo nella squadra e ha le idee molto chiare su quanto sia importante la collaborazione tra compagni di squadra: "Non credo di aver giocato ancora la mia migliore pallacanestro, perché sto provando a essere un buon playmaker. Dovrei distribuire 6/7 assist durante ogni partita per far vincere la squadra, non mi interessano i punti personali. Coach Franco mi sta aiutando a essere un giocatore migliore, un miglior playmaker. Questo é quello che devo fare per far si che la nostra squadra sia vincente. Abbiamo molti giocatori con tanti punti nelle mani, come Poletti, Rullo, Arledge, Pastore e Uglietti, anche se il capitano adesso ci manca, gli altri possono segnare e non c’è necessità che lo faccia io. Devo imparare come giocare di più con i miei compagni di squadra e sarà molto utile per il nostro gruppo, quando imparerò a farlo nel miglior modo possibile".

DeShields ha molta stima di coach Gramenzi e del lavoro che svolge ogni giorno in palestra insieme a tutta la squadra con l’obiettivo di far crescere il gruppo proseguendo nel percorso della ricerca del miglioramento: "Dobbiamo continuare a lavorare molto duramente. Il coach ci spinge ogni giorno a giocare più forte e in maniera più intelligente, ovvero ci stimola a giocare nello stesso modo in cui lui allena. La partita con Trapani è un altro step verso la Coppa Italia perché ho sentito che qui è una cosa molto rilevante e vorrei che la squadra e la società prendessero parte a questa importante manifestazione. Inoltre, vincere con Trapani sarebbe bello per me, per i miei compagni di squadra e per il coach. Mi farebbe davvero piacere se gli venisse riconosciuto il titolo di miglior allenatore del mese di novembre per tutto il duro lavoro che ha fatto per prepararci. Sicuramente se vincessimo, ci sarebbero maggiori opportunità di conquistare questo riconoscimento".

Keron, sempre pronto al sorriso, conferma, infine, l’enorme desiderio da parte di tutto il team di continuare a mantenere alto il livello delle prestazioni sul campo: «In questo buon periodo che stiamo attraversando, non nego che mi sento bene. Le cose stanno iniziando ad andare come dovrebbero per noi e per la società. La squadra è felice, ma al tempo stesso, con umiltà e desiderio di migliorare, resta con i piedi per terra perché la nostra pancia non è piena, siamo ancora affamati».

Aggiornamenti in tempo reale -sulle pagine Facebook e Twitter della società e diretta streaming su LNP TV Pass, servizio in abbonamento a pagamento, tutte le info su www.legapallacanestro.com. Arbitri dell’incontro Caforio Angelo di Brindisi, Yang Yao Daniele di Vigasio (VR), Del Grego Stefano di Verona.

In occasione della “Special Olympics European Basketball Week” gli arbitri scenderanno in campo nel pre-gara con la maglia Special Olympics, come da disposizioni della Fip che, come ogni anno, affianca Special Olympics nella campagna di sensibilizzazione per promuovere lo “sport unificato”. L’iniziativa mira a motivare i giovani a superare barriere, attraverso la composizione di squadre formate da studenti con disabilità intellettiva.

Torna su
LatinaToday è in caricamento