Ciccio D'Alessio, la scomparsa del coach commuove lo sport pontino

Giovedì a San Marco l'ultimo saluto. Una vita sui campi di basket da giocatore e allenatore. L'AB Latina e il Latina Calcio i suoi grandi amori

(foto pagina Facebook Anzio Basket Club)

Post

"Che brutto scherzo che ci hai fatto!
Con lo stesso impeto con cui sei entrato nella vita di tutti noi stavolta ci lasci cosi'  increduli, senza parole.. Ma non ti faremo arrabbiare, lo sconforto verrà sconfitto dal tuo entusiamo, dalla tua passione, dal tuo essere sognatore, valori che ci porteremo dentro e che trasmetteremo ai nostri ragazzi..
Però il tuo sarcasmo e il tuo sorriso ci mancheranno, eccome se ci mancheranno..
Continua a divertirti e ad inseguire i tuoi sogni, noi continueremo a fare il tifo per te
". 

L'Anzio Basket Club incredulo per la scomparsa del suo coach, affida alla pagina ufficiale della società l'amaro commento per un destino beffardo, che commuove chi ama lo sport e Ciccio D'Alessio. Erano una cosa sola. E sarebbe riduttivo parlare solo della pallacanestro, suo grande amore e professione. Un' ala grande che è stato anche portiere di calcio, che da atleta è diventato istruttore, formatore, educatore. 

Una terribile emorragia cerebrale, a seguito di una ancora più terribile leucemia, ha privato del suo proverbiale sorriso familiari e amici, che hanno avuto il piacere di vivere Ciccio nei 45 anni di vita, compiuti lo scorso 23 maggio. 

Ritratto

Ma a Latina, come un po' in tutti i palazzetti in cui ha giocato e allenato, dentro e fuori dal Lazio, se dici Massimiliano D'Alessio non ottieni lo stesso effetto di Ciccio. Allora sì, tutti sanno del ragazzone simpatico, cresciuto nell'AB Latina, dove ha conquistato un titolo nazionale Juniores da giocatore ed è stato anche assistant coach in prima squadra. Stesso ruolo ricoperto nella Latina Basket.

Prima del lockdown stava facendo cose egregie ad Anzio, Serie C Gold, con ottime prospettive play off. La sua squadra giocava quasi sempre il sabato, un motivo in più per continuare a seguire la domenica il Latina Calcio, di cui è sempre stato un tifoso insieme al fratello Pierpaolo, per tutti Pippo, che come Ciccio è stato cestista ed oggi allenatore. 

Dalle giovanili alle prime squadre, un passaggio graduale per Ciccio D'Alessio, che in estate organizzava puntualmente i camp, radunando tanti piccoli cestisti, con la passione della palla a spicchi. 

Anche portiere del Cos Latina, ruolo su cui ironizzava molto. Diceva agli amici, scherzando, di essere forte tra i pali. E perché non dargli credito!

Tutti hanno sperato che nella terapia intensiva dell'Ospedale Goretti di Latina potesse accadere qualcosa di eccezionale. Come il suo sorriso. 

I funerali di Ciccio D'Alessio si svolgeranno giovedì 25 giugno alle 10. 30 nella cattedrale di San Marco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, due nuovi casi in provincia: positivi a Latina ed Aprilia

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Coronavirus, 14 casi nel Lazio. Regione: “A Terracina positivo un uomo del Bangladesh”

  • Coronavirus Latina: i contagi crescono ancora, tre nuovi casi in provincia

  • Incidente nella notte sull'Appia, un morto e due feriti gravissimi

  • Coronavirus, 28 nuovi casi nel Lazio. Regione: “In provincia di Latina positiva una bambina”

Torna su
LatinaToday è in caricamento