Torna il mercoledì di campionato, il Latina riceve la Vis Artena

Domani al Francioni l'avversario che regalò in Coppa Italia il primo dispiacere della stagione. Tinti squalificato, Di Napoli pensa a Barberini e Fontana. Fischio d'inizio alle 18

Riflettori spenti

Turno infrasettimanale sotto i riflettori. Latina - Vis Artena si gioca alle 18. Fischio d'inizio posticipato per favorire un maggiore afflusso di pubblico. In che misura è facile prevederlo. Qualche decina di spettatori in più, ma di questi tempi il Latina Calcio non ha appeal e viene seguito soltanto dai nostalgici. Un po' perché era alla moda parlare di Serie B, un po' perché nell'ultimo decennio intorno al pallone cittadino si è sempre riunita una comunità piuttosto ristretta. Il positicipo della società, vada come vada, sarà comunque soggetto a critiche per il semplice fatto di non poter mai accontentare tutti. Davanti ai nerazzurri ecco la Vis Artena, che a settembre sul neutro di Anzio fece presente che l'andazzo pontino non era affatto buono. Oltre all'eliminazione dalla Coppa Italia, l'impressione di errori strutturali nella composizione della squadra trova ben presto conferma. E da quell'1-2 (aut. Tinti, Masini, Crescenzo) non è che sia cambiato molto. Addirittura la Vis Artena, poi sconfitta in campionato 3-0 al Caslini di Colleferro (doppietta di Iadaresta e Masini) si trova due punti sopra il Latina (35 vs 33) e cerca gli ultimi per garantirsi una comoda salvezza. Discorso che a questo punto - c'è da rabbrividire - deve riguardare anche il Latina.

Sassolini 

Vincere però riveste molti altri significati. Lo ha confermato domenica scorsa Lello Di Napoli, tornando a parlare decisamente piccato: "A Latina servono solo fatti, noi dobbiamo fare risultato perché lo esige la piazza, a prescindere dalla nostra classifica. Il sottoscritto e la mia squadra non sono in confusione, anzi cerchiamo sempre di giocare al calcio. Capisco che l'ambiente è abituato alla Serie B e alla Serie A sfiorata, ma questa è la Serie D e il Latina ha una sua identità. Si sta lavorando per il futuro, gettando le basi per il prossimo anno". 

Toto formazione

La formazione iniziale schierata contro Castiadas ed Aprilia subirà inevitabilmente un paio di variazioni per la squalifica di Tinti. Il giovabe di Lega classe '99 è incappato nel turno di squalifica e in difesa dovrebbe rientrare Manes, costringendo Di Napoli a schierare altrove un altro under di pari età. Il primo indiziato è Barberini a centrocampo, volendo ipotizzare a quel punto una rinuncia a Raffaele De Martino, sempre che non venga sacrificato il 2000 Begliuti. Così fosse, De Martino sarebbe il mediano davanti la difesa e il 2000 da schierare poterebbe a Fontana al fianco di Fioretti. Ma bisogna anche considerare che ad oggi la coppia Fioretti-Minicucci appare la meglio assortita come quantità e qualità. Per il resto, eccetto inconvenienti dell'ultim'ora, non ci sono le condizioni per altri cambiamenti, fosse anche per il terzo impegno in otto giorni di domenica prossima ad Ostia. Non è ancora tempo per pensarci. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

Torna su
LatinaToday è in caricamento