Pisa-Latina, approfondimento e pagelle dei nerazzurri

Una prima di campionato peggiore non si poteva immaginare. I nerazzurri escono dal Romeo Anconetani con le ossa rotte, ma è soprattutto la prestazione che preoccupa

Dario Barraco, il migliore in casa Latina

 

 

 

Un, due, tre e il Pisa cancella il Latina, smorzando sin da subito l’entusiasmo di chi ha inneggiato alla serie B (tanto ha fatto la campagna acquisti nerazzurra). La squadra di Pecchia è stata sin troppo brutta per essere vera; gioco impalpabile e poca incisività in attacco. Per non parlare della sciagurata espulsione di Mingazzini alla mezz’ora del primo tempo. Un evento che non si è riusciti a portare a proprio favore. Pecchia avrà molto da lavorare per cercare di riprendere la retta via. E l’occasione non tarderà ad arrivare; prossima fermata - con immediata possibilità di riabilitazione - al “Francioni” venerdì sera, quando sarà di scena Latina-Catanzaro in diretta tv sui canali di Sportitalia.

 

I LANCI LUNGHI – Pecchia all’Arena Garibaldi ha mandato in campo un 4-2-3-1 che si è dimostrato davvero poco incisivo; eppure la prima mezz’ora era filata liscia come l’olio con i toscani che non si facevano di certo preferire per pericolosità in avanti. Poco movimento sulle fasce da parte dell’undici pontino, e quando anche i lanci lunghi a ripetizione fiondati dalle retrovie alla ricerca dell’ariete Jefferson non vanno a buon segno significa che qualcosa va cambiato. Il Latina ha provato così a scardinare la difesa avversaria e ad insinuarsi nelle sue maglie, ma è stato troppo poco. Pecchia deve necessariamente tirare fuori dal cilindro qualcosa di più.

MINGAZZINI ROSSO – Un evento del genere ha fatto sussultare tutti dalle poltrone, un’occasione irripetibile anche perché avvenuta in un momento nevralgico della partita. E invece accade tutto il contrario; il Latina non ci mette la giusta grinta, ma soprattutto non ci sono idee propositive in campo e il gol di Tulli al 40’ è la giusta e severa punizione che non t’aspetti. Palla lunga dalle retrovie che trova il bravo Perez ad agire bene di sponda per l’accorrente Tulli che addomestica nella tranquillità più totale e con un destro chirurgico imparabile batte Bindi. Il Latina è troppo molle e quasi non reagisce, e Il rigore messo a segno da Favasuli all’11 della ripresa è la mazzata finale che chiude la partita anzitempo.

BARRACO OK! -  Se c’è un giocatore sul quale Pecchia non potrà prescindere quello è Dario Barraco. Il ventisettenne ex Trapani è subentrato dalla panchina e subito ha fatto sentire il suo peso specifico in avanti. Ad inizio secondo tempo parte dal suo destro il cross invitante per Jefferson non capitalizzato a dovere (il brasiliano si fa ipnotizzare da Sepe in quella che è l’azione di giornata più pericolosa del Latina). E poi il gol della bandiera è sempre suo: un destro da posizione impossibile che si infila a campanile dietro le spalle del portiere pisano. Un buon biglietto da visita; c’è da scommettere che venerdì prossimo contro il Catanzaro, il forte centrocampista siciliano sarà dell’undici titolare.

 

PISA – LATINA: LE PAGELLE

 

LATINA

Bindi 6 - Incolpevole sui primi 2 gol. Forse qualche responsabilità sul 3° gol di Babrberis

Milani 6 – Parte bene e con autorità il capitano. Poi si sgonfia come tutta la squadra

Cottafava 5 – La cintura che trattiene Perez sul rigore è da censura. Si dimentica di Barberis sul 3° gol

De Giosa 5 – Si allinea alla giornata no di mezza difesa

Giacomini 5,5 – In fase difensiva chiude bene più di qualche volta. In avanti mancano i suoi cross

Cejas 4,5 - Sbaglia tutto in appoggio e si divora il gol a porta spalancata

Gerbo 6 – Bene in mezzo al campo: è uno dei pochi che ci mette piglio

Angelilli 5 – Mai incisivo in avanti ergo mai in partita. 14 St Agodirin s.v.

Tortolano – 5,5 Si vede che può accendere il gioco, ma in definitiva non lo fa mai

Montalto – 5 Dai suoi piedi una punizione ben neutralizzata da Sepe da posizione defilata. Poi nulla più.  1 St Barraco - 7 è buono l’impatto con la gara e il gol è da cineteca

Jefferson – 5 Sbuffa e fa a sportellate come sempre, ma è ancora lontano dai tempi migliori. Manca il tap in davanti a Sepe. 28 st Tulli – 5,5 Ha dalla sua una buona opportunità che non riesce a capitalizzare

Pecchia 5,5 – Mette in atto le sue idee che al momento non gli stanno dando ragione, ma è giusto aspettare che i frutti maturano

PISA

Tulli 7,5 – Il migliore. È ispiratissimo e fa quel che vuole. Gol da incorniciare e giusta standing ovation per lui a fine secondo tempo

Pane 6,5 – Pur vero che il Latina non fa molto per impensierirlo, ma se vince con un uomo in meno il merito è anche suo

 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

Torna su
LatinaToday è in caricamento