Latina, pari amaro nel derby. Al “Francioni” termina 0-0

Un Latina bello e sprecone archivia il derby d'andata con un pari. Partenza equilibrata fra le due squadre. Nella ripresa i nerazzurri salgono in cattedra ma il gol non arriva

È stata una giornata di grande festa oggi al “Francioni”. Il sole, contrariamente alle previsioni, ha accompagnato le due squadre per tutti i 90 minuti, scaldando i 6000 del “Francioni” (6250 per la precisione). Una cornice davvero suggestiva che mancava da tempo immemore: uno stadio colorato di nerazzurro macchiato di gialloblu. Si prevedeva la presenza di circa 800 canarini alla vigilia, ma il colpo d’occhio (forse ingannevole) non ne fa presumere più di 500.

“KOLA” NON VA - Pecchia stavolta non ce l’ha fatta a portarla a casa, ma merita i complimenti per averle tentate proprio tutte. Col Frosinone in dieci uomini (espulsione di Del Duca al 21’ del secondo tempo ) il tecnico di Lenola ha plasmato un Latina a trazione anteriore, buttando nella mischia Tulli e il redivivo Montalto, ma senza raccogliere frutti. La porta di Zappino è rimasta immacolata, anche per i demeriti di “Kola”, che stavolta non si è fatto trovare pronto all’appuntamento col gol, mancando la realizzazione in almeno due occasioni nitide.

AAA STOCCATA FINALE CERCASI - Il Frosinone ha tenuto botta per tutta la prima frazione, andando anche vicino al gol col più pericoloso dei suoi, Salvatore Aurelio, in quella che è stata l’opportunità più eclatante di tutta la partita (destro destinato all’angolino sventato da Bindi al 6’ della ripresa). Nei primi 45’ i canarini hanno mostrato grande aggressività, effettuando un pressing asfissiante sugli avversari, lasciando pochissimi spazi. Poi col Frosinone in 10 il Latina è venuto fuori atleticamente e tatticamente, costringendo i canarini a contenere tutte le sfuriate. La manovra pontina è risultata apprezzabile, con un’ottima circolazione palla e tocchi morbidi. Tutto molto bello fino alla tre quarti campo, dove il gioco non trovava capitalizzazione per l’evidente mancanza di una stoccata finale. E oggi nemmeno Dario Barraco è riuscito a pungere con un lampo dei suoi.

UN BUON PARI  - Alla fine dei conti arriva un pareggio da non disdegnare. il Latina mantiene la vetta della classifica a 13 punti insieme al Frosinone, visto che dagli altri campi non si ravvisano news eclatanti. Avellino e Perugia hanno pareggiato per un 1-1 nell’altro big match della domenica, e il Pisa non va oltre lo 0-0 con la Paganese. L’Andria è corsaro a Benevento per 1-0, quello che sarà il prossimo avversario dei nerazzurri in campionato.

PRIMO TEMPO - In un Francioni mai così bello, davanti a più di 6000 spettatori Latina e Frosinone danno vita allo storico derby tra prime della classe. Finisce senza gol, ma con il Latina che può mangiarsi le mani per non aver concretizzato le tante occasioni e la superiorità numerica maturata a metà della ripresa. Pecchia, che deve rinunciare a Jefferson in avanti, si affida al al 4-3-3 marchio di fabbrica. Davanti a Bindi linea a quattro con Cottafava e De Giosa al centro e Milani con Bruscagin rispettivamente a destra e sinistra. A centrocampo Burrai rientra in cabina di regia e si posiziona nel tridente con Gerbo e Cejas. In avanti Kola vince il ballottaggio per un posto da prima punta. A completare l'attacco Tortolano a sinistra e Barraco a destra. Dall'altra parte Roberto Stellone risponde con la stessa carta. Speculare 4-3-3 con il tridente Aurelio, Santoruvo e Ganci. Si parte subito su ritmi alti. Meglio il Latina che si fa vedere subito dalle parti di Zappino con Tortolano, il suo tiro, su assist di Burrai, viene respinto dall'intervento di Guidi. Sul successivo angolo ancora Guidi spazza un fendente insidiosissimo di Burrai. Ma il Frosinone è squadra solida e ben messa in campo. La pressione a tutto campo e la gabbia allestita intorno ai registi nerazzurri consentono ai canarini di guadagnare campo. All'11'Gangi invita Santoruvo. Tiro di sinistro in corsa in diagonale che mette i brividi a Bindi. La partita si gioca su ritmi altissimi ma le occasioni latitano. Al 28' sugli sviluppi di un angolo la palla finisce a Guidi che elude i difensori con una finta poi spara a rete, Milani ci mette una pezza. L'ultima occasione del primo tempo è del Latina. Al 38' Giacomini, subentrato al 17'all'infortunato Bruscagin, scende sulla sinistra, mette a sedere con una finta Frabotta e poi crossa al centro per Kola che non ci arriva per un soffio, forse ostacolato.

SECONDO TEMPO - Tutto rimandato ai secondi quarantacinque minuti. Di tutt'altra portata la ripresa, con le due squadre che decidono di osare qualcosa in più e cercare il gol partita. Parte a fulmine il Latina che chiude in pressione il Frosinone nei primi minuti. Al 4' Tortolano tenta un tiro 'a giro' su assista di Burrai, ma la palla finisce altissima. La risposta del Frosinone arriva con l'occasione da gol più nitida di questa prima parte di gara. Aurelio punta Giacomini sulla destra, si accentra e poi spara con il destro, trovando sulla propria strada un Bindi stratosferico che in tuffo si allunga e con la punta delle dita riesce a deviare un angolo una palla destinata all'angolino. Risposta pontina all'11', quando Barraco spinge sulla sinistra, mette al centro per Tortolano che di testa fa impennare la palla verso il secondo palo. Lì c'è Kola che da pochi passi in mezza rovesciata non riesce a spingerla in fondo al sacco. La partita vive di continui capovolgimenti di fronte e al 21' sembra arrivare la svolta per il Latina quando Del Duca commetta fallo da dietro a Kola rimedianto il secondo giallo. Frosinone in dieci e Stellone pesca subito dalla panchina inserento Amelio al posto di Santoruvo nel tentativo di coprirsi. La risposta di Pecchia è Tulli. Dentro la seconda punta e fuori un centrocampista, in questo caso Gerbo. Al 26' primo squillo. Azione manovrata, poi taglio di Burrai per Giacomini che spara con il sinistro. Tiro centrale che Zappino blocca in due tempi. Due minuti ed è ancora occasionissima Latina. Burrai vede l'inserimento di Kola e lo serve con un destro morbito. L'attaccante nigeriano, però, effettua uno stop laborioso consentendo a Zappino di uscire e salvare la propria porta. Il Frosinone, però, è bravo a non scoprirsi e a rischiare il meno possibile. Al 31' ci prova Kola con un inserimento centrale e una botta di destro che non fa paura a Zappino. Subito dopo Cejas stoppa e tira al volo su assist di Burrai. Palla alta sopra la trasversale dei gialloblu. Pecchia vuole più vivacità e prova a giocarsi la carta Montalto. Il siciliano entra al posto di Barraco al 36' andando a fare coppia con Tulli al centro dell'attacco in quello che diventa a tutti gli effetti un 4-2-4. Ma il Latina non riesce più a pungere, con il Frosinone che alza una diga che regge fino al 90'.

 

LEGA PRO, PRIMA DIVISIONE GIRONE B | LATINA – FROSINONE 0-0

Latina: Bindi, Milani, Bruscagin (17'pt Giacomini), Cejas, Cottafava, De Giosa, Barraco (36'st Montalto), Gerbo (25'st Tulli), Agodirin, Burrai, Tortolano. A disp.: Forzati, Agius, Giacomini, Sacilotto, Angelilli. All.: Pecchia

Frosinone: Zappino, Frabotta, Blanchard, Del Duca, Gucher (45'st Crescenzi), Guidi, Frara, Bottone, Santoruvo (22'st Amelio), Ganci, Aurelio (33'st Cesaretti). A disp.: Vaccarecci, Catacchini, Altobelli, De Onofre. All.: Stellone

Arbitro: Ros di Pordenone. Assistenti: Maspero di Como e Leali di Brescia

Note – Espulsi: 21'st Del Duca per doppia ammonizione. Ammoniti: Del Duca, Blanchard, Cesaretti, Cejas, Frabotta. Recupero: 2'pt – 4'st. Spettatori: 6250. Incasso: 60.300 euro

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

Torna su
LatinaToday è in caricamento