Si sblocca il mercato del Latina: dal Napoli ecco Insigne jr, Amadio torna a Teramo

Entrambi i giocatori si trasferiscono in prestito. Il fratellino di Lorenzo arriva in nerazzurro dopo zero presenze con il Napoli. Il regista fa ritorno nella ex squadra del tecnico Vivarini

Comincia a sbloccarsi il mercato in casa Latina, dopo nove giorni ‘interlocutori’. Nella giornata di ieri la società pontina ha messo a segno i primi due movimenti, uno in entrata e l’altro in uscita. Si tratta di due prestiti, e se quello di Amadio al Teramo (squadra dalla quale era stato prelevato l’estate scorsa, ndr) non genererà troppi rimpianti tra i tifosi nerazzurri, più suggestivo è l’approdo di Roberto Insigne, fratello di Lorenzo.

L’ufficialità è giunta in mattinata, anche se l’affare era stato già chiuso nelal giornata di ieri. Insigne jr arriva con la formula del prestito con opzione e contro opzione. Attaccante mancino, a cui piace partire dalla fascia destra per accentrarsi e mettere in moto il suo sinistro vellutato, Insigne è reduce da una prima parte di stagione da dimenticare, trascorsa a Napoli dove non è riuscito a collezionare nessuna presenza. Da qui la decisione di tornare in serie B, dopo la bella esperienza della scorsa stagione in quel di Avellino, dove ha messo a segno 5 reti in 33 presenze.

LA PRESENTAZIONE DI INSIGNE 

Sarà proprio il reparto avanzato a subire un robusto restyling. In uscita sembrano esserci Corvia e Acosty. Sul primo c’è l’interessamento della Spal, anche se sull’argomento il direttore generale dei ferraresi Vagnati ha preferito glissare. Il secondo sembra vicino al Benevento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La società dovrà monetizzare, lo chiede il bilancio, e soprattutto una scadenza importante, quella del 16 febbraio, quando la società dovrà provvedere al pagamento degli stipendi di novembre e dicembre. Snellire il monte ingaggi, consentirebbe alla nuova proprietà di far fronte al passivo in bilancio. Per questo andranno via anche Marchionni e Moretti, ormai ai margini del progetto nerazzurro, e già fuori rosa da diverso tempo. Entrambi però devono fare i conti con la zavorra di uno stipendio pesante, ecco perché a oggi la soluzione più plausibile è quella di una risoluzione consensuale. Sirene estere per McDonald Mariga, rilanciatosi dopo un girone d’andata condito da prestazioni di qualità. Sul keniota però, i pontini cercheranno di resistere.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperlonga, tromba d'aria si abbatte sul litorale: danni agli stabilimenti

  • Sermoneta, dolore per la scomparsa della 17enne Angela. I suoi organi salveranno 5 vite

  • Presi con 22 chili di cocaina nel camion della frutta: "Non sapevamo nulla"

  • Coronavirus, due nuovi casi in provincia: positivi a Latina ed Aprilia

  • Lutto nell'Arma: stroncato da un malore un luogotenente dei carabinieri del Nas di Latina

  • Coronavirus: in provincia nessun nuovo caso, 11 pazienti nel Lazio e un decesso

Torna su
LatinaToday è in caricamento