Morte Piermario Morosini, si ferma il calcio: sospesa Latina-Trapani

La Figc dopo il decesso del giocatore del Livorno ha deciso di sospendere tutti i campionati, dalla serie A a quelle minori. Non si gioca la partita prevista per domenica al Francioni

Il calcio si ferma per una giornata. La tragica notizia della morte del giocatore del Livorno Piermario Morosini ha sconvolto non solo il mondo sportivo.

Il 25enne calciatore si è accasciato a terra per un arresto cardiaco nel corso della partita contro il Pescara e poco dopo è deceduto nll’ospedale della città abruzzese.

Per questo fine settimana la Figc ha disposto la sospensione della giornata di tutti i campionati di calcio in programma, dalla serie A ai campionati minori.

Non si giocherà quindi il match previsto per domani pomeriggio alle 15.15 allo stadio Francioni tra il Latina e il Trapani.

"L'intero mondo del calcio è in lutto. Un vero e proprio dramma quello che questo pomeriggio ha scosso il panorama sportivo italiano. Piermario Morosini, 25enne centrocampista del Livorno, è morto in ospedale in seguito ad un arresto cardiaco in campo nel corso della gara dei toscani in casa del Pescara, match valevole per la 14esima giornata di ritorno del campionato di serie B. A nulla sono serviti i soccorsi e la disperata corsa in ospedale" si legge in una nota del Latina Calcio.

Un evento drammatico che spalanca le porte all'annoso problema della prevenzione e, soprattutto, del primo soccorso in campo: “Tutta la società Latina Calcio è naturalmente vicina alla famiglia di Morosini e alla società del Livorno – questo il commentato del direttore generale dell'Us Latina Calcio, Luigi Angiello – Non è normale, però, che queste riflessioni avvengano soltanto a posteriori di un dramma di tale entità".

"Per quanto ci riguarda, sotto questo punto di vista la nostra società è assolutamente sensibile e preparata. Il tutto grazie al lavoro svolto nel corso degli anni precedenti dal dottor Damiano Coletta che ha dotato il club di ben tre defibrillatori, due al Francioni e uno alla Fulgorcavi, dove si allenano sia prima squadra che
settore giovanile. Oltre a questo, sempre grazie a Coletta, si sono tenuti dei corsi specializzati che hanno consentito a staff e dirigenti accompagnatori di apprendere le basi del primo soccorso e instradarli all'utilizzo di questi macchinari".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Spero che, soprattutto adesso, l'interno mondo del calcio e tutto lo sport possano affrontare delle serie riflessioni sull'argomento arrivando a delle precise e nette conclusioni” conclude Angiello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sperlonga, tromba d'aria si abbatte sul litorale: danni agli stabilimenti

  • Sermoneta, dolore per la scomparsa della 17enne Angela. I suoi organi salveranno 5 vite

  • Presi con 22 chili di cocaina nel camion della frutta: "Non sapevamo nulla"

  • Coronavirus, due nuovi casi in provincia: positivi a Latina ed Aprilia

  • Coronavirus: un nuovo caso in provincia. Rilevati in aeroporto 36 positivi dal Bangladesh

  • Lutto nell'Arma: stroncato da un malore un luogotenente dei carabinieri del Nas di Latina

Torna su
LatinaToday è in caricamento