Pallavolo, Coppa Cev al Palabianchini: l'Andreoli sfida l'Aich Dob

Il palazzetto dello sport di Latina si veste d'Europa con il terzo turno di coppa; i pontini sfidano gli austriaci alla loro terza esperienza contro le italiane da cui sono sempre stati battuti

La curva dell'Andreoli

Il Palabianchini si apre di nuovo all’Europa. Stasera alle 20.30 nel palazzetto dello sport di via dei Mille l’Andreoli torna in campo per disputare l’andata del terzo turno di Coppa Cev contro gli austriaci del Posojinica Aich Dob di Bleiburg.

GLI AVVERSARI DELL’ANDREOLI - Il Posojinica è una formazione austriaca che disputa il campionato centro europeo. È alla 14ma partecipazione nelle coppe europee; l'esordio c'è stato nel 1997-98 e dal 2000 ininterrottamente. Il miglior risultato è stata la semifinale alla Challange Cup (la terza coppa per ordine d’importanza) nel 2010-11. È la terza volta che affronta squadre italiane: è stata eliminata nel 2005-06 da Piacenza 3-1 e nel 2006-07 da Modena 3-0 nei tornei preliminari della Top Team Cup (la seconda coppa per ordine d’importanza) .

Nel Mevza (Middle European Volleyball Zonal Association) l’Aich Dob ha disputato nove gare con un bilancio di cinque vittorie e quattro sconfitte. È a metà classifica, al quarto posto con 13 punti. In Coppa Cev invece hanno prima eliminato i bosniaci del Kakanj con una doppia vittoria 3-0 e 3-2, quindi hanno ribaltato al secondo turno la sconfitta 3-2 in Slovenia con il Calcit Kamnik con il 3-0 e il 15-9 al golden set.

Il tecnico sloveno Bogdan Kotnik dispone di una vera e propria multinazionale con due austriaci, quattro sloveni, uno slovacco, un ungherese, un bulgaro e un polacco dato che nel loro torneo non esistono limitazioni sugli stranieri in campo, regola che vige anche in Europa. Molti di loro fanno parte delle rispettive nazionali.

Chi passerà il turno dovrà attendere il termine della champions league (escono la peggiore seconda dei sette gironi e le migliori tre terze) e il relativo sorteggio per sapere la prossima avversaria ai quarti di finale.

Silvano Prandi sta alternando tutti i suoi uomini nel doppio impegno campionato-coppa; a Castellana ha iniziato mettendo in campo Sottile in regia, Troy opposto, Gitto e Verhees centrali, Rauwerdink e Noda schiacciatori, Rossini libero, ma nel corso della gara ha inserito Patriarca al centro, Jarosz opposto e Cisolla in banda. Radiocronaca integrale su Radio Antenne Erreci (streaming real audio direttamente sul sito www.radioantenne.it cliccando sull'icona web radio.) a cura di Gabriele Viscomi, live score su sito della Cev: www.cev.lu.

LE DICHIARAZIONI DEL PRE-PARTITA

Jakub Jarosz: “Non ho mai affrontato una squadra austriaca, nemmeno in nazionale, non so cosa aspettarmi. C’è un mio connazionale giovane della juniores, Wlodarczyk, che mi ricordo giocava palleggiatore ed ora è stato trasformato in schiacciatore di cui si parla un gran bene. Ovviamente dobbiamo passare un altro turno per poi giocarci la fase con le squadre di champions. Nella Coppa non si possono fare tanti calcoli essendo ad eliminazione diretta. Quindi dobbiamo pensare solo a vincere tutte e due le gare. È importante iniziare con il successo in casa, perché poi sarebbe difficile ribaltare in trasferta il risultato con il golden set”.

Daniele Sottile: “Incontriamo gli austriaci dell’Aich Dob che se sono arrivati fin qui sono un ottima squadra. Un team composto da diversi atleti stranieri. Sarà una sfida difficile, noi ci dovremo concentrare sul nostro gioco per dimenticare e far dimenticare in fretta la sconfitta a Castellana Grotte”.

Danilo Contrario: “Stiamo studiando i nostri avversari. Il nostro lavoro di preparazione prima della gara ci porta a scouttizzare, visionare per trasformare ogni fondamentale in numeri, le loro gare che riusciamo a reperire. Questo per fornire ai giocatori durante la riunione tecnica che si svolge a ridosso della gara, tutte le informazioni necessarie degli avversari, come le traiettorie di attacco, le scelte del palleggiatore, le opzioni in battuta e così via. Posso dire che sono un’ottima squadra, molto completa in ogni reparto di gioco, con gli schiacciatori di banda che giocano molti palloni e sono molto tecnici, con l’opposto invece che da equilibrio giocando un numero minore di palloni. Non sarà una gara facile, dovremo dare tutto noi stessi per vendicare la prestazione di domenica”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Aprilia, in due tentano di investire i carabinieri: i residenti lanciano vasi contro i militari

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Fatture false e riciclaggio: la Finanza scopre un'evasione da 100 milioni. Operazione tra Roma e Latina

  • Aprilia, minacce di morte ai carabinieri in via Francia: convalidati i due arresti

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

Torna su
LatinaToday è in caricamento