Pallavolo, al via la Coppa Italia: per l’Andreoli c’è l’ostica Macerata

Parte la competizione che vede sfidarsi le migliori otto del campionato in corso; si comincia oggi alle 18 con la sfida "secca". Chi vince accede alla final four del 29 e 30 dicembre

Neanche il tempo di pensare alle festività natalizie che già l’Andreoli si tuffa nella Coppa Italia per dimenticare il periodo nero in campionato.

Oggi pomeriggio le prime otto formazioni del girone di andata disputeranno la gara “secca” dei quarti di finale. Chi vincerà accederà poi alla final four prevista al Forum di Assago (MI) il 29 e 30 dicembre. Per il Latina, che torna così a disputare la Coppa dopo cinque stagioni in cui non si è qualificata, un avversario ostico, la Lube Banca Marche, seconda in classifica e già incontrata in campionato.

GLI AVVERSARI DELL’ANDREOLI – Oggi alle 18 l’Andreoli scende in campo contro i campioni d’Italia di Macerata che di trofei ne hanno vinti quattro, nel 2001, 2003, 2008 e 2009.

La formazione marchigiana ha l’ossatura della nazionale italiana con il palleggiatore Travica, l’opposto è l’ex Starovic, al centro ci sono i serbi Stankovic e Podrascanin, gli schiacciatori Parodi e e l’ex Zaytsev (a Latina come palleggiatore), libero il francese Henno. Poi una panchina prestigiosa con lo schiacciatore Kooy, il centrale Pajenk e un gruppo di giovani talentuosi.

Prandi potrebbe riproporre il sestetto schierato a Perugia con la regia affidata a capitan Sottile, Troy per il ruolo di opposto, Verhees e Patriarca al centro, Rauwerdink e Noda di banda, libero Rossini.

UN PO’ DI STORIA - Nella storia delle due società non ci sono precedenti in Coppa Italia di serie A, ma nel lontano 29 maggio 1993 furono protagoniste a Torino della final four di Coppa Italia di Serie B. A quel tempo le due società risiedevano ancora nei loro nuclei storici di Treia e Cori e le due “anime” dirigenziali sono immutate: da una parte Albino Massaccesi e dall’altra Luigi Goldner.

La radiocronaca integrale della partita sarà trasmessa su Radio Antenne Erreci (FM 97.300 MHz, anche sul web www.radioantenne.it), mentre Lazio Tv trasmetterà la gara giovedì alle 23 con varie repliche durante la settimana con la telecronaca di Roberto Italiano.

LA PARTITA DEGLI EX - Molti gli ex in campo: i già citati Sasa Starovic (2010-11), Ivan Zaytsev (2007-08 nel ruolo di palleggiatore) e il secondo allenatore Francesco Cadeddu (2008-09), dall’altra parte Carmello Gitto e Stefano Patriarca cresciuti nel settore giovanile della Lube, Alberto Cisolla (2009-10), mentre Silvano Prandi nel biennio 1999-01.

I COMMENTI

Luigi Goldner: “Sono passati quasi venti anni da quella storica final four di Torino, ma ancora sono vivi i ricordi di quei momenti divisi con Roberto. Da squadra di B2 ci qualificammo alle finali cadette, un traguardo insperato che ci diede la spinta per preparare nuove mete da raggiungere. Ricordo anche che l’anno successivo chiedemmo ospitalità al Sindaco di Latina per ospitarci al PalaBianchini per disputare la Coppa Italia, dato che l’impianto di Cori non era omologabile per la competizione, un’altra pagina di emozioni per una squadra neopromossa in B1. Ma i sogni molte volte si realizzano, sempre se sono spinti da grosse passioni. Ora siamo in A1, ma non vogliamo dimenticare la nostra storia di società che è partita dalla 1° divisione quaranta anni fa. Dopo cinque anni ci siamo riqualificati in Coppa Italia e per la prima volta incrociamo le strade della società di Albino Massaccesi. Lo sport vive anche di ricordi e di questi momenti”.

Silvano Prandi: “Macerata è una grande squadra e ha i favori del pronostico. Ma noi non partiremo certo per fare una vacanza. Cercheremo di rendergli la vita difficile. Sarà un compito arduo, ma come sempre ce la metteremo tutta contro una squadra di grandi giocatori”.

Hubert Henno: “Si affrontano la seconda e la settima squadra classificata al termine del girone di andata, ritengo dunque normale che il pronostico della vigilia sia dalla parte della Cucine Lube Banca Marche Macerata. Penso comunque che trattandosi di una partita secca sarà molto difficile, anche perché i nostri avversari avranno molto meno da perdere rispetto a noi. Dovremo affrontare questo Quarto di Finale con la giusta determinazione, giocando al massimo dal primo all'ultimo pallone. Ci siamo guadagnati la possibilità di disputare questa sfida in casa, davanti ai nostri tifosi, in un palasport che per l’occasione sarà sicuramente pienissimo. E questo sì che è un fattore importante. Ci teniamo tanto a partecipare alla Final Four di Assago, e faremo di tutto per conquistarla".

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Alla guida di una Smart a 145 km/h sulla Pontina: patente ritirata a un automobilista

  • Torna l’ora solare: lancette dell’orologio indietro, ecco quando spostarle

  • Infermiera caposala del Goretti rubava farmaci e ricette, condannata a due anni

  • Donna scomparsa da giorni a Doganella, l’appello dei familiari per ritrovarla

  • I “4 Ristoranti” di Alessandro Borghese sulla Riviera d’Ulisse: trionfa la Ricciola Saracena

  • Un uomo colto da infarto in strada: salvato da un medico e dal 118

Torna su
LatinaToday è in caricamento